Il Prefetto Nunziante a Francavilla

Stampa questo articolo Stampa questo articolo

L’8  maggio a Francaviila è venuto in visita il prefetto di Potenza, Antoni Nunziante. Ad attenderlo davanti al municipio le principali autorità della zona: il sindaco Francesco Cupparo e tutta la giunta comunale, il senatore Mario Di Nubila, il parroco di Francavilla don Franco La Canna, il capitano dei carabinieri Davide Palmigianei e il comandante di stazione Aldo Pitrelli, il comandante della forestale Carriero e il sindaco dei ragazzi Alessia Mango. Sua eccellenza il prefetto è stato successivamente accolto nella sala consiliare, dove l’orchestra dell’Istituto Comprensivo “Don Bosco”, presieduto dal dirigente prof. Gennaro Spaltro; ha intonato l’Inno di Mameli. Il sindaco Cupparo in questo incontro ha fatto presente al prefetto che Francavilla è un paese commerciale  e pieno di artigiani che creano diversa occupazione nella zona e non a caso otto dei venticinque lotti della zona artigianale, sono già assegnati; ha successivamente affermato che chiunque abbia per le mani un’ azienda, al momento non vive dei bei momenti a causa della crisi finanziaria e anche a causa del fatto che si è attanagliati dalle banche in qualsiasi cosa. Il sindaco ha successivamente concluso dicendo che al momento l’amministrazione sta andando avanti grazie ad un ottima unità tra maggioranza e opposizione. Hanno poi preso la parola il sen. Di Nubila, gli ex sindaci Amatucci, Marziale e Fanelli  ed il parroco. Questi hanno tutti riferito al prefetto dei problemi della zona e dei cittadini e alle difficoltà di quest’ultimi nella lontanza dalle grandi città della regione, della scarsità di servizi, della disoccupazione e soprattutto del problema dei giovani che sono sempre meno. In riferimento alle parole del sindaco gli imprenditori Giangreco  e Leone, sono stati chiamati a parlare delle loro aziende e anche loro hanno dato qualche consiglio utile al prefetto. Il prefetto ha successivamente preso la parola e ha commentato le parole che gli erano state dette in precedenza, dicendo che tutto quello che gli era stato detta è giusto e che si proverà a fare qualcosa, ma di questi tempi è molto difficile assicurare qualcosa. Ha poi raccontato delle sue esperienze in Sicilia e nel foggiano dove è la delinquenza a farla da padrone e che in quelle zone era stata l’unione con tutte le forze dell’ordine a far sì che si lavorasse per il meglio Il prefetto ha poi parlato della sua esperienza a Forlì, dove è stato il lavoro sodo, a creare un’oasi felice; ha consigliato di fare squadra in questi momenti duri e di non essere egoisti; non si deve dipendere da politici o altro, ma si deve andare avanti con propri mezzi senza l’aiuto di nessuno e che è importante nella vita dire sempre la verità senza paura di niente e di nessuno. Il dott. Nunziante ha concluso parlando dei giovani e delle possibilità che essi hanno, che è importante oggi lavorare per il meglio, per regalare il meglio ai giovani in un futuro, per non far perdere mai la speranza.

Commenta

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi