Accoglienza-solidarietà-integrazione a Francavilla in Sinni

Stampa questo articolo Stampa questo articolo

caritas3 E’ già da qualche anno che  a Francavilla in Sinni, un gruppo di volontari impegnati nella “Caritas” si dedica, sistematicamente, all’accoglienza del “forestiero” e ne favorisce l’integrazione per rendere meno disagevole il soggiorno di persone che, spinte da disagi economici, da impossibilità di sopravvivenza, lasciano la propria terra e tentano una nuova avventura nel nostro Paese. Francavilla accoglie un numero elevato di extra-comunitari che, in qualche modo, e, anche, grazie ad azioni di solidarietà, ha trovato sistemazione lavorativa e relazionale nella nostra comunità. Il gruppo “Caritas” presta un valido aiuto nella prima fase di accoglienza, rispondendo a necessità di alloggio, di viveri, di vestiario, di suppellettili…, poi ne facilita l’integrazione favorendo lo scambio di culture diverse. È con cadenze periodiche che si predispongono incontri, presso il salone delle Suore Domenicane o presso la sala Parrocchiale per favorire il dialogo e per condividere momenti di convivialità molto aggreganti in situazioni, a volte, imbarazzanti, nel rapporto umano. Solitamente si crea un ambiente stimolante caratterizzato da simboli che richiamino il ceppo ortodosso, cui la maggior parte di queste persone appartiene. Si leggono passi del Vangelo, si recitano preghiere nella lingua di appartenenza, si raccontano esperienze di vario tipo, si eseguono canti, ed infine, si condivide il cibo preparato secondo l’usanza dei propri paesi. Significativo è stato l’incontro nel Natale 2012, dove erano presenti un gruppo numeroso di romeni,  due musulmani (marito e moglie) e due donne filippine. A presenziare la riunione c’era l’Assistente Sociale del Comune, la Dr.ssa Piesco, che segue, con costanza, la comunità extra-comunitaria locale. Con entusiasmo il gruppo romeno ha allestito l’albero di Natale presso la Chiesa di S. Antonio e, con l’ausilio di volontari francavillesi,  è stato costruito il presepe. A coronare questi momenti di socializzazione e per favorire l’unione dei Cristiani, è spesso presente la figura di un Sacerdote caritasOrtodosso, padre Adrian, che anima gli incontri, celebrando riti specifici, battesimi, confessioni…  l’azione comunitaria continua… l’importante è non arrendersi di fronte alle difficoltà che, quotidianamente, si presentano e, poi, il Signore farà il suo…

Commenta

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi