Lì dove si osa presentare un libro di venerdì diciassette

Stampa questo articolo Stampa questo articolo

guido viceocnteNelle ore serali  di ieri venerdì diciassette gennaio, a Matera, è stato presentato il libro “ SULLE TRACCE DELLA MEMORIA E DEI BRIGANTI” di Giovanni VICECONTE e compagni. Quando ho ricevuto l’invito, mentre facevo ( per me e per gli autori, sono un altruista ) tutti gli scongiuri che il protocollo dei meridionali superstiziosi prescrive in casi come questi, tra me e me mi sono chiesto : “ Ma persone tanto intelligenti, tutti meridionali poi, possono farsi passare per la mente di presentare un libro, con speranza di successo, un venerdì diciassette e, ciliegina sulla torta ,in un palazzo del 17° secolo?        No, no, no! Io non ci vado!     Siamo ammattiti?”  Puntualmente ci sono andato!  Ha prevalso, come al solito, la curiosità!  Timoroso sì, ma ci sono andato…  e bene ho fatto!  Va bene la superstizione, ma un paesaggio così non si scopre tutti i giorni!

palazzo viceconte L’Hotel Palazzo VICECONTE, già palazzo Venusio, in cui è stato presentato il libro, è un palazzo storico del 17° secolo, magistralmente restaurato e nel rispetto della sua storia splendidamente arredato,  è situato nel cuore dell’antica Matera, con viste panoramiche mozza fiato sui Sassi e dintorni.

Tornando al libro, hanno provveduto alla presentazione  il sen. Guido Viceconte, il sen.  Paolo Bonaiuti, il Ministro Angelo Quagliariello ed il Prof. Giovanni Viceconte. Moderatore è stato il dr Antonio Preziosi, Direttore di Radio Uno e del Giornale Radio Rai,quagliariello il quale sapientemente ha saputo stimolare il dibattito cogliendo e facendo cogliere gli aspetti più qualificanti del libro e dell’esperienza fatta dagli autori-protagonisti.  La presentazione, pur fatta nella forma tradizionale, è stata sostanzialmente originale per come ha saputo incontrare l’interesse del folto e qualificato  pubblico e stimolarne l’attenzione.  bonaiutiIn estrema sintesi, per i presentatori  i protagonisti del tour, inconsapevolmente, da questa esperienza, come Goethe, sono tornati cambiati  in quanto hanno ritrovato se stessi. Nelle conclusioni, il Prof. Giovanni Viceconte ha volutamente dato sfogo alle emozioni ed ai sentimenti provati quando ha intercettato le orme lasciate sul tragitto dagli antichi padri originari di Alessandria del Carretto. Personalmente ho trovato nel libro e nel filmato proiettato all’inizio tanta poesia.   giovanni viceocnte Attenzione, questo libro non può essere considerato alla stregua di una guida turistica, una mera sommatoria di notizie, di immagini, di consigli ecc.  Ha un’anima, emana e suscita emozioni, nostalgia; è concepito, insomma, con occhio di artista.  Da questo punto di vista, ben può essere collocato, con pari dignità, al fianco del “Viaggio”  di Goethe.

Commenti

  1. Nicola Vitola ha detto:

    Sono interessato ad avene una copia. Nicola Vitola

Commenta

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi