La scuola e la cultura della sicurezzasul lavoro

Stampa questo articolo Stampa questo articolo

DSCN0131 Per l’educazione e la formazione delle risorse umane destinate a costituire la forza propulsiva di cui dovrà avvalersi il Paese per il futuro benessere dei cittadini, è ovvio che la Scuola deve poter disporre, in primo luogo, di sedi adeguate e quindi di strutture edilizie sufficienti e adatte all’uso. Queste strutture, inoltre, devono essere appositamente predisposte e mantenute sempre efficienti, perché in ogni scuola (qualunque sia l’ordine e grado a cui viene destinata) sia reso possibile svolgere le attività educative e formative previste, con continuità ed in tutta sicurezza. A tal fine, sarà, poi, compito del Dirigente scolastico che, come datore di lavoro, ha il dovere di ottemperare agli obblighi di legge per la prevenzione e la protezione dai rischi di tutti coloro che nella sua scuola operano giornalmente, di provvedere all’organizzazione dei vari Servizi di Sicurezza previsti per Legge (servizi antincendio, gestione di emergenza di primo soccorso). Col supporto di questi servizi, il Dirigente potrà quindi mantenere le condizioni di sicurezza del complesso scolastico, costantemente adeguate alle norme di legge. DSCN0149Gli incidenti (gravi o meno gravi) che oggi succedono con sempre maggior frequenza in ogni ambiente di lavoro (scuole comprese), il saper agire correttamente al presentarsi di una situazione di pericolo, deve necessariamente far parte del bagaglio di conoscenze, esperienze e modo di comportarsi. A tal scopo, quindi, diventa necessario inserire nei piani educativi e formativi di tutte le scuole, iniziative volte a promuovere anche la cultura della sicurezza e della tutela della salute di tutta la popolazione che la scuola frequenta giornalmente. Ancora oggi, risulta evidente che niente lascia prevedere che simili iniziative possano far parte di piani educativi e formativi delle varie scuole, dato che esse non fanno parte delle materie di insegnamento. Se si vuole, pertanto, che tale “cultura”possa far parte del “bagaglio culturale” di ogni studente che si appresta ad entrare nel mondo del lavoro, è necessario creare le condizioni che possono consentire, allo studente medesimo, di acquisirla attraverso l’esperienza del giorno per giorno e di sentirsene, al tempo stesso, responsabile durante il suo percorso scolastico. Si può, pertanto, ipotizzare che, nel prossimo futuro, le nuove risorse umane, già in possesso di adeguata cultura anche per quanto attiene la sicurezza sul lavoro, possano contribuire a limitare il numero di incidenti sul lavoro con rilevanti benefici economici e sociali per lo Stato e per tutti i cittadini del Paese.

                                                                     

Commenta

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi