Festeggiare la donna un giorno lungo un anno.

Stampa questo articolo Stampa questo articolo

images (2) L’8 marzo? Un giorno come tutti gli altri che rappresenta un’occasione per soffermarsi su alcuni aspetti più profondi della femminilità. Non solo mimose ma incontri nel segno  della lotta alla violenza contro le donne e le pari opportunità. Questa festa “8 marzo, un giorno lungo un anno” evidenzia l’importanza delle pari opportunità legate al mondo del lavoro e l’impegno contro la violenza sulle donne. Secondo i dati più recenti, ogni giorno, dieci italiane, fra donne, ragazze e bambine, subiscono violenze a sfondo sessuale. La donna, quando non inserita in un contesto socio-culturale, è portata spesso a vivere la violenza subìta con un senso di colpa o di vergogna che la condanna a un altro stupro, molte volte psicologico perchè si protrae a lungo nel tempo, influenzandone negativamente la vita. Alcuni decenni fa, nel meridione, si ricorreva al rapimento della donna per poi obbligarla ad un matrimonio indesiderato. Per questi motivi, fecero scandalo le donne che, sfidando l’omertà generale, denunciarono l’uomo che le aveva rapite e violentate e diventarono, però, il simbolo di una presa di coscienza delle donne per la rivendicazione della loro dignità. In Italia, sono sorti ovunque dei “Centri donna” cioè delle associazioni gestite da donne esperte in materia legale, medica o psicologica, pronte a dare consigli oltre che solidarietà a chiunque ne abbia bisogno. Un altro profilo rilevante è quello delle discriminazioni multiple di cui le donne, spesso, sono vittime. imagesDi fronte a tutto questo, è ragionevole pensare che una partecipazione significativa delle donne ai processi decisionali sia una condizione necessaria affinchè i loro interessi specifici vengano presi in considerazione e determinino una ridefinizione delle priorità politiche,  con l’apporto di nuove idee e nuovi temi al centro del dibattito politico e delle decisioni conseguenti. Il governo Renzi, nel rispetto di tale principio ha confermato a livello ministeriale 8 uomini e 8 donne, che condividiamo pienamente.

Commenta

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi