Per un nuovo modello di Europa

Stampa questo articolo Stampa questo articolo

images Al Palazzo dei congressi di Roma-Eur si è concluso il congresso del PSE in vista delle elezioni dell’Unione previste per il 25 maggio che ha visto gli interventi di tutti i maggiori leader europei. Il PSE ha proposto Martin Schultz, attuale Presidente del Parlamento Europeo, come Presidente della Commissione, che per la prima volta viene scelto dagli elettori. “Dobbiamo batterci per una Europa migliore, basata sul rispetto reciproco”Dobbiamo ridurre il divario tra ricchi e poveri e la mia priorità sarà l’occupazione giovanile, perché il lavoro non è solo questione economica, è una questione di dignità” così Martin Schultz nel corso del suo lungo discorso. Matteo Renzi sale sul palco, accolto da un fragoroso applauso, per celebrare l’ingresso del PD nella famiglia progressista europea, e in omaggio il PSE cambia nome : PSE – Socialists & Democrats. Il presidente del consiglio ha ribadito che l’Italia deve adempiere ai propri obblighi mettendo a posto il nostro bilancio perché ce lo chiedono i nostri figli. Ha ricordato che il governo ha scelto tre capitoli : riforme strutturali del lavoro, giustizia e pubblica amministrazione, legge elettorale e infine, una scommessa educativa che parta da investimenti in edilizia scolastica. L’adesione al PSE era già in predicato per il PD, e Renzi riesce laddove i suoi predecessori – da Veltroni a Bersani – non sono riusciti. La crisi dello stato sociale, l’armonizzazione delle politiche economiche e fiscali, il rapporto tra libertà e immigrazione, aggiunge il neo vice ministro Riccardo Nencini, necessitano di una risoluzione immediata, né possiamo essere socialisti con i banchieri e liberal-reazionari con i cittadini. Tuttavia, la scelta dei Democratici italiani è quella non solo di tenere alta la bandiera dell’idea federalista europea, ma anche di contribuire al potenziamento delle istituzioni politiche europee, a cominciare dal Parlamento di Strasburgo. Renderlo attuale dipende dal coerente impegno che aleggiava nel Palazzo all’EUR,

                                                                                  

Commenta

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi