“LA poesia non dà da mangiare… ma regala tante emozioni…”

Stampa questo articolo Stampa questo articolo

fortunato La silloge di Gino Costanza, nostro  concittadino trapiantato in quel di Pordenone, comprende brani che vanno dalle composizioni tradizionali a piccole perle di stile giapponese che, in qualche modo, richiamano i frammenti della lirica greca ed anche il più recente Ungaretti. L’autore ha ottenuto un importante riconoscimento al Premio letterario nazionale “Giuseppe Malattia della Vallata“ di Barcis (Pordenone) cui ha partecipato con le liriche “SONO SOLE”, “FRUTTO”, ”QUERCIA”.  Costanza ha esordito negli anni ’60 con un prezioso libretto dal titolo molto significativo “PRIME PASSIONI” in cui è presente il mondo di attese, di speranze, di amori, di gioia, di “passioni” appunto che sono la manifestazione più immediata della gioventù. Nei componimenti più recenti, che verranno pubblicati in più puntate, grazie alla disponibilità immediatamente manifestatami dall’ottimo Giuseppe Di Giacomo che dirige con tanta dedizione “Francavilla informa”, tutti potremo apprezzare la raffinata poesia che da essi promana.  Corre l’obbligo di spendere qualche parola per mettere a fuoco la tecnica adottata per i componimenti proposti della maturità. Si tratta dell’ “Haikù” giapponese che consente all’autore di comunicare con immediatezza il suo mondo. E’ una sorta di “pittura con le parole” che stupisce chi l’osserva, dominato dalla meraviglia e dallo stupore delle cose. Non meravigli, invece, l’apparente semplicità: i toni semplici, la metrica sciolta, i messaggi senza fronzoli lessicali, consentono di cogliere le suggestioni dell’autore che vengono affidate alla libera interpretazione di ciascuno. Gino sarà ben felice, ove mai tale poetica dovesse riscontrare interesse, ad un’agape fraterna, ad un incontro fra amici, organizzato dal giornale on line, a Francavilla, l’estate che verrà,  per una recitazione ed un commento  “dal vivo” di quest’arte sublime.

Haiku sì e haiku no, tra sacro e profano.

1.  SONO SOLE
Sono sole, col proprio coraggio, nei dolori
le nostre mamme instancabili, sulle labbra sorriso lieve.                                                                                                                                                                Non chiedono nulla a noi,
che riceviamo sempre.
Vestite di nero, i radi capelli bianchi a posto, sulle spalle gli scialli neri,
sfidano la chiusa stagione tenendo le levigate mani in acqua,
per lavare i nostri panni sporchi.
Di noi hanno parole blande con tutti.
E noi, chiusi in noi stessi, inseguiamo chimere,
mentre gustiamo cibi succulenti,
ansiosi d’indipendenza,
per fare le nostre pronte mamme felici.
Sono sole, col proprio coraggio, nei dolori,
le nostre mamme instancabili, sulle labbra sorriso lieve.
E se ne vanno dove andremo noi, con voci di perdono.
Siamo soli anche noi, con i nostri vani rimpianti,                                                                                                                                                                    senz’amore, senza conforto, senza pace,                                                                                                                                                                                              nel mondo nuovo delle ambizioni,                                                                                                                                                                                                        pago d’esaltanti illusioni.

images 18.37.192.  FRUTTO
Nemmeno una visciola
Sull’albero in fronde,
né sapore
né calore.
E tu, sola,
senza gambo,
senza viola.

download3. QUERCIA
Quercia procace,
ghiande formose mostri
la tua beltà!

 

 

 

 

 

images (1) 18.37.284.  VENTO
Vento, solleva,
o brezza ch’addolcisci,
l’atrabile in me!

images (2) 18.37.285. UNITI
Il primo incontro
è colpo di fulmine.
Diversi uniti!

 

 

 

 

 

 

 

 

magnolia6. LA GRANDE MAGNOLIA
Al sol si desta
La magnolia e aspetta
piccioni in festa.

 

 

 

 

 

 

 

 

download (1)7. L’ANGUILLA
Guizza l’anguilla
nello specchio del Sile.
Attende l’amo.

download (2)8. SANTA M.T. DI CALCUTTA
Scricciolo curvo,
o Santa di Calcutta,
madre d’amore!

9. CORINTO
S. Paolo indignato
per mille putte sacre.
Oh, l’uva passa!

 

 

10. BRUGNERA
Pruna pendula,
verranno maturando
frutti da monta!

Commenti

  1. sofiagiuseppe ha detto:

    Carmina non dant panem, ma non di solo pane vive l’uomo

Commenta

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi