Kulaçi di San Costantino Albanese

Stampa questo articolo Stampa questo articolo

Kulaçi

Kulaçi è uno dei prodotti gastronomici più caratteristici degli arbëresh della Basilicata; nel contempo, per la ricca serie di significati che presenta e per le occasioni in cui viene preparato, costituisce un simbolo assai rappresentativo della tradizione arbëreshe nel suo complesso.

Si tratta di una ciambella salata, preparata con farina impastata con uova e latte, unta con uovo crudo e cotta al forno.

Essa viene preparata soprattutto in due precise occasioni.

Innanzitutto durante il periodo pasquale, quando viene consumata al posto del pane e accompagna in particolare alcuni salumi tipici come la soppressata.

In secondo luogo durante le celebrazioni per il matrimonio, quando ricopre un ruolo importante durante la celebrazione stessa del rito religioso in chiesa.

La forma è quasi sempre circolare anche se in varie fogge e vari sistemi di decorazione (può essere una ciambella semplice, oppure attorcigliata) che vengono indicati anche con nomi specifici; caratteristica è poi quella di presentare tutto intorno un bordo esterno attorcigliata (detta kurora, la corona). Talvolta viene appoggiato anche un uovo intero sulla superficie della ciambella.

Per i bambini se ne prepara una da una forma particolare detta nusza.

In occasione della celebrazione di un rito di nozze, vengono preparate due ciambelle, assai lavorate e riccamente decorate, che presentano nelle loro decorazioni degli elementi caratteristici; esse raffigurano un nido con delle uova, due uccelli e due serpenti intrecciati (simboleggiano la famiglia, la coppia e la passione dei due sposi).

Un pezzetto di una ciambella viene intinto nel vino e offerto ai due sposi durante la cerimonia nuziale, e il bicchiere che contiene il vino viene subito dopo rotto. Le ciambelle nella tradizione venivano poi donate al parroco e costituivano il pagamento per la celebrazione del rito di nozze.

Il nostro pane tradizionale è stato prodotto anche in occasione del gemellaggio tra i forni lucani e quelli di Betlemme, nell’ambito del progetto “Pane Nostro”, svoltosi nello scorso mese di marzo, che ha visto la partecipazione dell’amministrazione comunale e della panificatrice Nunzia Larocca.

Kulaçi ha ottenuto il riconoscimento da parte delMinistero delle Politiche Agricole in data 06.05.2009 quale prodotto regionale tradizionale.

Commenta

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi