‘U pannakèpǝ

Stampa questo articolo Stampa questo articolo

S_filippo

(scenetta in dialetto francavillese proposta per la peculiarità dei vocaboli e delle espressioni)

Jé ghjurnǝ ’i gudienzǝ, ben priéstǝ’a matinä, Rǝnzéllä e Caruhìnä hènǝ jutǝ ‘nnandǝ ‘u Cuncihǝjatórǝ pǝ’na quǝstiónǝ’i pannakèpǝ.

‘u Cuncihǝjatórǝ(alli fémmǝnǝ, ‘ndraméndǝ ca s’alliscǝ’u varǝvazzèhǝ) – N’ata vótǝ a qué? V’étǝ gavuzètǝ priestǝ astummatìnǝ! Che c’è dǝ tandǝ gurgendǝ? Che avitǝ da spartǝ tutt’i juornǝ? Sǝndìmǝ, viutètǝ ‘u ruospǝ!

Rǝnzéllä– Don Fǝrlò…

‘u Cuncihǝjatórǝ – Aspettǝ, aspettǝ’nu mumendǝ…nonn’avé pressǝ: a què hema mittǝ ‘u nìvǝrǝ sop’u janghǝ: cǝ vo’ Paskéhǝ, hema fè  ‘n’attǝ scrittǝ. (‘U chièmǝ) Paskè! Pigliǝ pennǝ e cahamèrǝ e bienǝ hambandǝ a què: asséttǝtǝ allu cuostǝ mijǝ e appùndǝ tuttǝ quillǝ ca dicǝnǝ’sti dujǝ zǝllòse. (a Rǝnzéllä)…Avandǝ, parlǝ!

Rǝnzéllä– Don Fǝrlò…(sǝ sprughǝ’u cannarìhǝ)…Ellórǝ: ‘sta sǝgnórä (Caruhìnä) a hata sérä è stètǝ alla chèsä mijǝ e ‘ndraméndǝ k’eggǝ jutǝ ‘nda nǝcchiarellä a spǝjè ‘nu mumendǝ sǝ durmijǝ ‘u guagnǝniellǝ ‘nda nèkä, è mǝnètǝ’i vrangellǝ: s’é ciardètǝ ‘u pannakèpǝ e nomm’u vo’ rénnǝ kiù!

Caruhìnä(tutt’arrǝttètä)…Bušjardä’ndabbǝkérä! Comǝ ghèjǝ ‘u curaggǝ  ‘i prǝténnǝ quillǝ ca no ghié du tujǝ?

Rǝnzéllä – ‘Uh, Gesucristǝ mijǝ che maškǝrä grannä ca ghèjǝ!…Don Ferlò, nonn’annasuhè a ssa sciavurrètǝ! Purǝ’i petrǝ da vijǝ ‘u sènǝ ca jé ‘na hätrǝ cessä, senza vrǝgognä!

Caruhìnä(škattignä)  Sǝndìhä, sǝndìhä, ‘a monachellä, come säpǝ tǝrè ‘hacquǝ allu muhìnǝ sujǝ!

Rǝnzéllä(annarbacètǝ)  Don Fǝrlò, f’a stè cittǝ ssa cévǝza vǝhǝnósä, sǝnó mǝ junnǝ ‘nguollǝ e li sceppǝ ‘i grignǝ a gunǝ a gunǝ!

Caruhìnä(‘i fè ‘na mussǝjètä sfuttendǝ) : E bǝdìmǝ sǝ ghèjǝ ‘u curaggǝ!

(Rǝnzellä, com’u ‘hambǝ, ‘a ‘ngappǝ dǝ trezzǝ e la strascinǝ ‘ndärrǝ. S’accapizzǝnǝ, sǝ mùzzǝkǝnǝ, sǝ stròzzǝhǝnǝ ‘i grignǝ, sǝ tirǝnǝ pùjnǝ cavǝcǝ e škàmǝnǝ com’i  ‘ccisǝ !)

‘u Cuncihǝjatórǝ(alli guardǝjǝ) : Scukkiàtǝhǝ, Scukkiàtǝhǝ!

(‘I guardǝjǝ ‘a mähäpénǝ ‘i scukkiǝnǝ: Rǝnzéllä ténǝ ‘a cammisä strazzètä e la facciä raškètǝ; Caruhìnä  gh’è ‘na mänä muzzǝkètǝ e gh’jé tutta scǝrmǝnǝjètǝ.  Pandǝkejnǝ e sǝ guardǝnǝ stuortǝ gunǝ co’ ll’atǝ).

‘u Cuncihǝjatórǝ – Guagnù, ebbé? Che gh’jé ‘ssa cummeddǝjä? ‘A vuhitǝ speccè?..Oh, cazzǝ!…’Nu picchǝ’i rǝtégnǝ!

Rǝnzéllä – Don Fǝrlò, t’u rǝpétǝ n’ata vótǝ, ‘u pannakèpǝ jé du mijǝ. M’ha lassètǝ ‘a bǝnarmǝ ‘i mamma mijǝ. ‘U tenghǝ cchiù cärǝ d’a vistǝ’i ‘huokkiǝ!

Caruhìnä – Ma che arravogliǝ ‘ssa caturchiuhèrä gabbafàkuhä?…’U pannakèpǝ jé du mijǝ! Agg’iaccattètǝ alla férä.

‘u Cuncihǝjatórǝ – Aggǝ capitǝ! Tagliǝmǝ’a chèpǝ allu tàvǝrǝ, facimǝ alla Sahamónǝ: spartìmǝhǝ’ndujǝ, mienzǝ appǝdunǝ e… bonanottǝ allu cǝrnicchiǝ! Sitǝ cundendǝ? Paskè, pròjmǝ ‘a proffǝcǝ!

 

 

Versione in lingua

 

La mantellina

 

È giorno d’udienza, ben presto di mattina, Renzella e Carolina si sono recate dal Giudice Conciliatore per una questione di mantellina.

 Conciliatore- (nel mentre si liscia il mento)- Un’altra volta qui? Vi siete alzate presto stamattina! Che c’è di così urgente? Cosa avete da spartire tutti i giorni? Sentiamo, vomitate il rospo!/

Renzella- Don Ferlò…

Conciliatore- Aspetta, aspetta un momento, non avere fretta: qui dobbiamo mettere nero su bianco: ci vuole Pasquale, dobbiamo redigere un verbale. (lo chiama) Pasquale, prendi penna e calamaio e vieni immediatamente qua: siediti accanto a me e prendi nota di tutto quello che dicono queste due litigiose. (a Renzella)…Avanti, parla.

Renzella – Don Ferlò…(si schiarisce la canna della gola)…Allora: questa signora (Carolina) l’altra sera è stata a casa mia e, intanto che sono andata nella nicchia a spiare un attimo se dormiva il bambino nella zana, ha mosso le mani: s’è sgraffignata la mantellina  e  non me la vuole più rendere!

Carolina -(tutta tesa)…Bugiarda frottolona! Come hai il coraggio di pretendere quello che non è tuo?

Renzella – Oh, Gesucristo mio! Che maschera grande che hai!…Don Ferlò, non dar retta a questa sciagurata! Anche le pietre della strada sanno che è una ladra allo sbando, senza vergogna.

Carolina(indisponente)…Sentila, sentila la monachella come sa tirare l’acqua al suo mulino!

Renzella(innervosita)…Don Ferlò, fatela tacere questa biscia velenosa, altrimenti le salto addosso e le strappo i capelli a uno a uno!

Carolina- (le fa una smorfia irritante (di sfida)…E vediamo se hai il coraggio!

(Renzella come un lampo, la prende per le trecce e la trascina a terra. Si avvinghiano testa a testa, si mordono, si sgrovigliano i capelli, si tirano pugni, calci e schiamazzano come ossesse!)

Conciliatore(alle guardie)…Separatele! Separatele!

(Le guardie a malapena riescono a separarle: Renzella ha la camicia stracciata e la faccia graffiata; Carolina ha una mano morsicata ed è tutta scompigliata. Ansimano e si lanciano occhiate in cagnesco l’un l’altra.)

Conciliatore – Ragazze, embé? Che cos’è ‘sta cagnara? La volete smettere? Oh, perbacco!  Un po’ di ritegno!

Renzella– Don Ferlò, te lo ripeto un’altra volta: la mantellina è mia. Me l’ha lasciata la buonanima di mia madre. La tengo più cara della vista degli occhi!

Carolina– Ma che ingarbuglia ‘st’ imbrogliona gabbamondo?… La mantellina è mia! L’ho comprata alla fiera.

Conciliatore– Ho capito: tagliamo la testa al toro, facciamo alla Salomone: dividiamola in due, metà per ciascuna e… buonanotte al crivello! Siete contente? Pasquà, porgimi le forbici!

 

 

 

 

 

 

 

 

Commenta

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi