Il M.U.O.S. un problema solo siciliano?

Stampa questo articolo Stampa questo articolo

roccoamorosiI problemi del nostro Sud sono tanti. A volte enormi, seri e devastanti come quello del M.U.O.S.

Lo so, è una parola che non tutti conoscono perché i Tg ed i giornali nazionali non ne parlano o pochissimo e a volte con le solite prese di posizioni del partito che li sostiene e che li finanzia. Ma cari amici fermiamoci un attimo a ragionare insieme, come esseri umani: perché dobbiamo continuare ad essere schiavi di scelte che fanno gli altri per la nostra vita, per le nostre terre e per i nostri figli?
Io credo che il problema M.U.O.S non sia solo un problema “siciliano”.
Ed io che abito da ormai anni a qualche decina di km tra le provincie di Agrigento e Caltanissetta posso farvi toccare con mano l’enorme e serio problema che purtroppo passa in sordina e viene tenuto all’oscuro la stragrande maggioranza del popolo.
Innanzitutto voglio spiegare cos’e questo M.U.O.S.:

Il M.U.O.S. (Mobile User Objective System) è un moderno sistema di telecomunicazione satellitare della marina militare statunitense, composto da cinque satelliti geostazionari e quattro stazioni di terra, di cui una a Niscemi (CL), dotate di tre grandi parabole del diametro di 18,4 metri e due antenne alte 149 metri. Sarà utilizzato per il coordinamento capillare di tutti i sistemi militari statunitensi dislocati nel globo, in particolare i droni, aerei senza pilota che saranno allocati anche a Sigonella.
Il governo Renzi il 19 giugno scorso ha approvato, tra il silenzio dei mass media, il M.U.O.S.
muos-mondoIl governo ha ammesso che il M.U.O.S è un sistema strategico. Grazie ad un impianto tecnologico R.F.M.P. verranno diffusi metalli pesanti (alluminio, stronzio e bario) sull’atmosfera. Tutto questo finalizzato per ottenere segnali puliti dai satelliti in orbita che sono collegati con la terra.
Il problema è che tutta questa procedura sarebbe dannosa per l’essere umano. I danni sulla salute e sull’ambiente sono letali e così gravi che approvare una realizzazione del genere a pochi km da centri abitati equivale a dire “morite tutti, tanto a noi non frega un ca..o, noi dobbiamo servire gli Stati Uniti e il sistema diabolico delle lobby che decidono per 7 miliardi di persone”. Non è dello stesso parere Angelino Alfano, il ministro dell’interno, che ha smentito la pericolosità del M.U.O.S. Il governo allo stesso tempo ha dichiarato che in caso di danni alla popolazione saranno previste misure di compensazione. Immaginiamo i parenti delle (speriamo di no) eventuali vittime, a causa del M.U.O.S. quanto saranno contenti di ricevere delle compensazioni. Come a dire: “se vi muore qualcuno poi vi diamo un compenso e ci dispiace”.
Muos - Niscemi, Feb 2013Gli studi di diversi scienziati hanno accertato la pericolosità dell’azione del M.U.O.S, mentre l’Istituto Superiore della Sanità ha smentito questa tesi. Come spesso capita dunque una profonda e sana confusione mediatica. Tra l’altro un documento del 1991 aveva dimostrato la pericolosità dei campi elettromagnetici ad alta frequenza.
Sono state rese pubbliche anche gli stralci della seduta del 19 giugno che ha portato all’approvazione del progetto. Nell’ordine del giorno G3 si fa riferimento all’adozione di un sistema di monitoraggio dei campi elettromagnetici, nel rispetto del protocollo d’intesa, tra il Ministero della Difesa e la Regione Sicilia, per far rispettare la produzione di emissioni a radio frequenza.
Nel caso di danni accertati alla popolazione verranno prese misure di compensazione e nel caso il sistema risultasse nocivo per gli esseri umani il progetto verrebbe sospeso.

Nell’ordine del giorno G4 impegna il Governo a rassicurare la popolazione con un monitoraggio costante dei limiti di emissioni elettromagnetiche.
Il sottosegretario Alfano ha fatto presente che l’accordo rientra tra gli obblighi di assistenza difensiva prevista dalla Nato. L’impianto satellitare riveste importanza strategica per l’Italia. Alfano ha ricordato che le infrastrutture militari non sono soggette a concessione edilizia ed un documento da parte dell’Istituto Superiore della Sanità ha evidenziato che non sussiste nessun tipo di pericolo per la popolazione.
muos niscemiCaro Renzi, caro Alfano, cari partiti di destra, sinistra, centro.. avete firmato voi tutto questo scempio. Ricordatelo.
In una terra come la Sicilia, ma mi allargo, come il nostro Sud e Basilicata compresa, già distrutta da tantissimi problemi (fenomeno immigrazione, mercato della frutta al collasso storico, corruzione, clientelismo, mafia, insediamento di migliaia di stranieri dell’est e conseguente perdita di lavoro di migliaia di famiglie del posto…..) questo progetto è come mettere nella fossa un popolo che grida una forte emergenza sotto tutti i punti di vista. E come scrivevo, non credo sia solo un problema per la Sicilia. Dovrebbe essere un problema di tutto il Sud. Dovrebbe far reagire un popolo che vive sempre più anestetizzato da chi è al potere. Un popolo senza forza di ribellarsi per cause giuste. Per i propri figli. Un popolo coeso e con una dignità dovrebbe reagire contro questa gente che pur di favorire le proprie vite e di chi è ad un gradino sopra di loro non guarda al bene del suo popolo. Amici e miei paesani iniziamo a sentirci più uniti, a leggere di più, a conoscere i problemi degli altri e a partecipare attivamente per se stessi e per la vita dei propri figli. Perché sarà tardi quando non avremo più l’ossigeno per poter vivere. A me tutto questo fa rabbia e la voglia di giustizia, di una vita più equa e solidale è sempre più un bisogno. Che la rabbia sia in voi.

 

 

Commenta

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi