M’arrǝkòrdǝ

Stampa questo articolo Stampa questo articolo

carpucc1H’atä nottə , m’héggə ‘nzunnètə a Carpuccə nda nu strìttəhə co’ tre o quattə murəvusièllə apprièssə ku jvәnə cəməndànnə; e bədìjә a gh’jllə ca sə kijkèvə ndarrə a pəgliè nu pəškònə p’i səcutè. Ma facìjә sùhə‘a mòssətə. Killi ‘ngangarètə ‘u sapìvәnə e lu sfùttìvənə angòrə kiù assèjə. Pə na fè spəccè, ‘u povərièllə s’è ‘ccummәnzètə a sbattə ‘a kèpə nvàccə ‘u murə nzìgnə a ca sə fàttә jssì ‘u sànghə. I zzuòrəjəciéllə s’hénә abbəcənètə allu sbəndurètə e lu vuhìvәnə cunzuhè. Pə sə fè perdunè hànә pruòstә ‘nu məzzónә ‘i ràrәkә ‘i pastanàkkiә, ma quillə nonn’ha buòstә e s’è mìsə a škamè kiù fortə e a truzzè n’ata vòtə a kèpə nvàccə ‘u murə. ‘A Vəskògnə s’è ‘ffaccètə sòpə‘u gàfәjə e quannə è bìstə a Carpuccə k’a faccə hurdə ‘i sànghə, s’è misə a bagliacchè e a gh’jastəmè kìlli mmərdusiéllə: «Vərmənùsə sbrəgugnètə! Ca və vo’ spàrtə ‘na škàrdə‘i hàmbə! Scrijatəvìnnə alla kèsa vòstə, hassètə u j’ quillu povəriéllə!» Ciccǝ ‘u marǝnèrǝ è rrәvètə all’andrasattǝ dərétə alla skərdùnə, è ‘ngàppètə p’i rékkie ‘i mahandrìnə, ha ‘llàzzètə nu pèrə ‘i càvəcə ndi grìppə du cùhə e l’ha fattә fujə pedəpəzzəhànnə.

Ndraméndə‘a Vəskògnə è sciés’abbascə, co’ nu vacìhə i g’àcquə ed è puhәzzètə ‘a faccǝ a Carpuccə. Za’ Katrìnä s’è bbəcənètә e l’ha dittә: «Comǝ t’hejǝ cumbǝnètǝ?‘Ssa kèpǝ t’hajǝ rǝkamètǝ, jé kijnä kijnǝ ’i césǝ: t’hajǝ ammatundètǝ bon’e megliǝ! Tiénә, ròsәkǝtә ‘sta sciànghə ‘i vəskuòttə: aggә sfurnètә mo’ propәjә, jé angórə càvәdә, ‘u siéndәsә com’addórә?» Ma non c’ènә stètә sandə!  S’è ‘ngapənútə e pó’ s’è ‘ngullurètә sòp’a nu skahònə k’a kèpə kijchètə sop’u muškə.
Mǝnǝchéllä d’u Tǝmbonǝ ca stèvǝ passannǝ d’allè allegra allegra k’u kènǝ d’a mammènǝ appriessǝ, quannǝ è bistǝ a Carpuccǝ ammussètǝ ha ghiutǝ  allu cuostǝ e l’ha tranguhètǝ.
«Che t’hènǝ fattǝ? Chi t’è fattǝ arrabbijè? Diciammihǝ a mmé, alla zita tujǝ, k‘i fazzǝ subbǝtǝ arrǝstè. Ah, nomm’u vuojǝ dicǝ? Ellorǝ, da gojǝ annanandǝ non songhǝ chiù ‘a ‘nnammurèta tujǝ, nǝmicǝ a mortǝ!»
‘Ndonǝjǝ Skorzǝ  s’è ‘ffaccètǝ sop’u gafǝjǝ, k’u vijuhìnǝ sutt’a skukkiǝ e la bacchettä mmènǝ a menz’arijǝ, e s’é ddummannètǝ: «Che ghié ‘ssa cummeddija? Etfattǝ arrǝvutè tutt’u vǝcǝnànzǝ.»
«’Mmécǝ d’allukké, sónǝ ‘na bellä tǝrandèllǝ ca m’eggia fé ‘nu ballǝ co’ Carpuccǝ ca jé arrabbijètǝ, muòvǝtǝ!»  Ha rǝspuostǝ tǝràndä tǝràndǝ Mǝnǝchellä.
«J’ songhǝ prondǝ.»
‘A guagnonä é  ‘ngappètǝ a Carpuccǝ addonn’i vrazzǝ e l’ha tǝrètǝ mmienz’a vija. Quillǝ strappèvǝ allu cuntrarijǝ e skutuhèvǝ ‘a kèpǝ a destrǝ e a manghǝ. «Beh, nonn’u fé ‘u capòtǝkǝ, mó’; ‘Ndo’ attakkǝ!» ‘U sonatórǝ é puggètǝ ‘a bacchettǝ sop’u vijuhinǝ ed’è ‘ccummǝnzètǝ a strǝkè ‘i cordǝ.
‘A spǝrǝtuséllä ‘s’é misǝ subbǝtǝ a zumbé e a gǝré attuornǝ allu redǝpédǝ ca sǝnǝ stèvǝ ‘mbahètǝ co’ l’uokkiǝ fissǝ ‘ndarrǝ e co’‘na mènǝ sǝ sfrucunijèvǝ ‘u nèsǝ . ‘U sbuzzunijèvǝ e li krǝstijènǝ ‘u ‘nguraggiavǝnǝ e vattìvǝnǝ ‘i mènǝ. Ma jllǝ non sǝ muvijǝ manghǝ p’i pallètǝ.  ‘U kènǝ d’a mammènǝ tutt’a ‘na votǝ s’è accummǝnzètǝ a muzzǝkè ‘a kudǝ. «Hai vistǝ?» È škamètǝ  Mǝnǝchéllä  «Hai vistǝ comǝ sèpǝ abballè ‘u kenǝ d’a mammènǝ? G’atǝ ca tu!»
Carpuccǝ è ‘zzǝnnètǝ’na menza risǝ e l’uokkiǝ hanǝ turnètǝ n’ata votǝ ducǝ e nucǝ; po’s’é ‘ccummǝnzètǝ a grullè e s’é misǝ a fè ‘a spundapédǝ kundratiémbǝ purǝ jllǝ!

 

traduzione

 

                    Mi ricordo

 

carpuccioL’altra notte ho sognato Carpuccio in un vicolo con tre o quattro mocciosetti appresso che lo andavano molestando; e vedevo lui che si piegava a  terra a raccogliere un ciottolo per scacciarli. Ma faceva solo finta. Quei pestiferi lo sapevano e lo stuzzicavano ancora di più. Per fargliela smettere il poveretto ha incominciato a sbattere la testa contro il muro fino a far fuoriuscire il sangue. Le piccole canaglie si sono avvicinate allo sventurato ed hanno tentato di consolarlo. Per farsi perdonare gli hanno porto una ràdica di pastinàca, ma quello l’ha rifiutata e s’è messo a urlare ancora più forte e a battere di nuovo la testa contro il muro. La Viscogna s’è affacciata sul ballatoio e quando ha visto Carpuccio con la faccia sporca di sangue, s’è messa a baccagliare e a inveire contro quegli stronzetti:
«Verminosi svergognati, che vi possa squartare una scheggia di lampo! Sparite immediatamente e tornate alle vostre case, lasciate stare quel poveretto!»
Ciccillo il marinaio, arrivato all’improvviso da dietro di soppiatto, ha preso per le orecchie i malandrini e (gli) ha affibbiato un paio di calci nelle natiche e li ha fatti fuggire a gambe levate. Nel frattempo la Viscogna è scesa giù con un bacile di acqua ed ha lavato la faccia a Carpuccio. Zia Caterina s’è avvicinata e gli ha detto: « Come ti sei conciato! ‘Sto cranio te lo sei ricamato, è pieno zeppo di cicatrici: te lo sei rammollito proprio bene! Tieni, ròsicati questo tozzo di biscotto, l’ho sfornato proprio adesso, è ancora caldo, lo senti come odora?»
Ma non c’è stato niente da fare. S’è incaponito e poi s’è acciambellato su uno scalino con la testa piegata sulla spalla.
Menichella del Timbone che stava passando di là allegra allegra col cane della mammana appresso, quando ha visto Carpuccio imbronciato, gli è andata subito accanto e lo ha scosso.
«Che t’hanno fatto? Chi t’ha fatto arrabbiare? Dillo a me, alla fidanzata tua, chè li faccio arrestare immediatamente. Ah, non me lo vuoi dire? Allora, da oggi in avanti non sarò più la tua innamorata: nemici a morte!».
Antonio Skorza s’è affacciato sul ballatoio, col violino sotto la bazza e l’archetto in mano sospeso a mezz’aria, e ha chiesto: « Che cos’è questo baccano? Avete fatto rivoltare tutto il vicinato.»
Invece di urlare, suona una bella tarantella ché voglio farmi un ballo con Carpuccio che è arrabbiato, muoviti!» Gli ha ribattuto svelta Menichella.
«Io sono pronto!» La ragazza ha preso  Carpuccio per le braccia e l’ha tirato in mezzo alla strada. Quello  si divincolava e scuoteva la testa a destra e a manca. «Beh, non fare il testardo, adesso; Anto’ attacca!» Il suonatore ha posato l’archetto sul violino ed ha incominciato a strofinare le corde; La spiritosetta s’è messa subito a saltellare e a girare intorno al recalcitrante che se ne stava impalato con gli occhi fissi a terra e con una mano si sfruconava il naso. Lo pungolava e gli astanti lo incitavano e battevano le mani. Ma lui se ne restava lì fisso, inchiodato. Il cane della mammana tutt’a un tratto ha incominciato a mordersi la coda. «Hai visto?» Ha esclamato Menichella «Hai visto come sa ballare il cane della mammana? Altro che te!»
Carpuccio ha accennato un mezzo sorriso e gli occhi gli son tornati dolci e innocenti; poi ha incominciato a dimenarsi e a battere la punta dei piedi controtempo anche lui!

 

 

Commenti

  1. Giovanni Gazzaneo ha detto:

    C’ero, purtroppo, anch’io qualche volta tra quei mocciosetti. E questo bellissimo racconto è stato per me una fucilata in petto… Perdonami, Carpù…

  2. Filippo Di Giacomo ha detto:

    La tua sensibilità è commovente. Il racconto, comunque, non vuole ” uccidere” nessuno, neppure gli innocenti mocciosetti dispettosi. E’ solo un omaggio a una persona rimasta impressa nella memoria collettiva che ci umanizza e ci aiuta a ritrovare il meglio di noi stessi.
    Un caro saluto. F.DG.

    • Giovanni Gazzaneo ha detto:

      Eri on seconda elementare con la maestra Gizzi nell’anno scolastico 1952-53?

      • Filippo Di Giacomo ha detto:

        No. Ero già alle Medie a Lagonegro. Io sono il figlio della “Biscottaia” . La casa dei miei genitori era (ed ancora è) non lontana da quella dei tuoi nonni e zii. Conoscevo i tuoi che ho rivisto qualche volta a Senise dove vivo da 45 anni, sposato, con figli e nipoti. Mi ricordo di te, anche se vagamente, perché ti vedevo passare nel vicolo. Mi dispiace non essere stato tuo compagno di scuola, anche perché oggi avrei qualche anno di meno. Ti saluto caramente.

  3. Flora Febbraio ha detto:

    Questa sera ho dedicato il mio tempo alla lettura del mio parlare originario che non conosco e devo dire, non è semplice per niente. Filippo, complimenti non conoscevo queste tue doti!
    Poi ho letto il tuo omaggio a Carpuccio. Gli hai reso un piccolo dono da parte di tutti, anche da parte mia. Capitava spesso io ricevessi da lui un dolcissimo sorriso in cambio di quel poco che gli offrivo, e lui con quel sorriso esprimeva più umanità e riconoscenza di molti altri. Hai fatto davvero un bel gesto.

  4. Francesco Abitante ha detto:

    Sono commosso.
    Mi sono ricordato di Carpuccio. E di te, in quella pluriclasse dove mi hai insegnato a leggere e scrivere.
    E di questo dialetto impossibile, la “L” impronunciabile…

  5. Filippo Di Giacomo ha detto:

    Grazie per il ricordo che conservi di me. Anch’io mi ricordo di te e di tutti gli altri alunni di quella bella pluriclasse con affetto e nostalgia.Siete sempre nel mio cuore. Un abbraccio. Filippo

Commenta

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi