Il compagno Cataldo: un modello per noi giovani comunisti.

Stampa questo articolo Stampa questo articolo

 

Esprimo alla famigliaantonio1 Cataldo le condoglianze più sentite, sicuro di interpretare anche il sentimento di tanti cittadini di Francavilla sul Sinni che hanno avuto modo di conoscere e apprezzare le sue doti umane, politiche e professionali.nicola cat 7

 

Mi associo alle belle parole, ai riconoscimenti, al grande ruolo politico che ha svolto nel dopoguerra per la conquista dei diritti dei braccianti e dei contadini riportati su questo giornale. Il mio ricordo va alla grande amicizia che c’era con il nostro compianto compagno “Carpuccio” Abitante, alla generosa disponibilità che offriva allorquando veniva chiamato a darci una mano nelle nostre campagne elettorali.

Era un sostegno forte: la gente vedeva in lui il vero combattente, l’uomo onesto e il professionista preparato. Noi compagni in prima linea nelle sezioni, nelle Camere del Lavoro, nelle amministrazioni comunali, avevamo la certezza di poter contare sulla sua difesa se fossimo incorsi nelle grinfie della Giustizia per fatti inerenti l’attività politico-amministrativa.

Personalmente chiesi il suo aiuto quando, insieme ad altri
amministratori negli anni ’80 fummo rinviati a giudizio. Per una questione di vicinanza ci difese un altro grande avvocato, il compagno Nicola Savino di Lagonegro. Tutti assolti. Il compagno Cataldo, oramai molto anziano, non si è tirato indietro quando è stato chiamato di dare il suo contributo al Partito dei Comunisti Italiani per far ritornare Prodi al governo del paese. Infatti, in prima fila e con l’entusiasmo di sempre ha partecipato alla elezione del nuovo parlamento come candidato alla camera dei deputati, nel 2006. Ho avuto il piacere, ancora una volta, di incontrarlo in quella occasione a Francavilla in un comizio. È stato chiaro, combattivo e onesto nell’informare noi compagni che la situazione italiana era (ed è tutt’oggi) molto complicata per via dei disastri provocati dal governo Berlusconi. E quindi occorreva impegno, lavoro e sacrifici per portare l’Italia fuori dalla crisi. Compagno Cataldo, ti ricorderemo sempre con la certezza che la cosa più bella a te gradita è quella di continuare a lottare per le cause giuste con grande impegno, partecipazione e passione. Addio.

 

Commenti

  1. Filippo gazzaneo ha detto:

    Uomini veri

Commenta

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi