Fastweb e la Basilicata contro il digital divide

Stampa questo articolo Stampa questo articolo

Fastweb è impegnato nella Regione Basilicata ad abbattere il digital divide dove oggi 8 comuni dispongono finalmente della banda larga

fastweb-metroweb-258Fastweb e la Regione Basilicata stanno lavorando inisieme per abbattere il digital divide all’interno dell’intero territorio regionale. Dopo i comuni del Pollino, Rotonda e Viggianello, anche Accettura, Albano di Lucania, Aliano, Craco, Garaguso, Salandra escono dal digital divide grazie alla Regione Basilicata ed a Fastweb. Le località, in precedenza senza alcun accesso ai servizi a banda larga, sono state collegate durante l’estate alla rete Internet con velocità fino a 20 Megabit al secondo ed è già iniziata la commercializzazione dei servizi a famiglie e imprese.

L’operazione è possibile grazie al lavoro di Fastweb che sta portando 1.000 chilometri di fibra ottica in 54 località della Basilicata e contestualmente collegando con connettività Adsl2+ i  Comuni, le abitazioni, le piccole e medie imprese, le scuole del territorio. Circa 30 mila famiglie e imprese avranno finalmente accesso a Internet per godere dei vantaggi della banda larga sia dal punto di vista professionale che personale.  Fastweb si è infatti aggiudicata la gara indetta dalla Regione Basilicata per lo sviluppo della banda larga nelle aree “a fallimento di mercato”  finalizzato al superamento del digital divide. I lavori sono finanziati per circa 18 milioni con fondi stanziati dalla Regione Basilicata con i fondi Feasr e Psr attestati al Dipartimento Agricoltura e Sviluppo Rurale della Regione, e con i fondi Fesr (Fondo europeo di sviluppo regionale). Altri 7 milioni di euro sono investiti da Fastweb stessa nella infrastruttura di rete.

L’opera di Fastweb però non si conclude qui perché entro il mese di settembre saranno connessi a Internet e dunque fuori dal digital divide anche i Comuni di Castelsaraceno, Marsico Nuovo, San Chirico Raparo, San Martino d’Agri, Sasso di Castalda, Savoia di Lucania. Quindi entro ottobre, Rivello, Bella, Colobraro, Forenza, Ginestra, Latronico, Pignola, Ripacandida, Rotondella, San Chirico Nuovo, San Costantino Albanese, San Fele, San Severino Lucano, Tolve, Tricarico, Vaglio Basilicata. Poi i lavori proseguiranno a Calvello, Castelgrande, Montemilone, Pescopagano, e quindi ad Avigliano, Baragiano, Cirigliano, Latronico, Lauria, Oliveto Lucano, Pietragalla e Savoia Di Lucania.

Sergio Scalpelli, Direttore delle Relazioni Esterne e Istituzionali di Fastweb, si dice molto soddisfatto per i lavori sin qui realizzati:

09_SergioScalpelliGrazie alla collaborazione con le amministrazioni locali, la realizzazione delle nuove infrastrutture in fibra ottica è in fase conclusiva. Oltre l’80% della rete è stata già realizzata e abbiamo già incominciato a vendere i nostri servizi nelle località raggiunte. La nostra azienda investe al fianco della Regione sulla Basilicata. Credo che la Basilicata sia un esempio virtuoso su come i fondi strutturali europei, se ben spesi, possano essere un grande motore per l’infrastrutturazione del territorio. Siamo convinti che Internet possa essere di stimolo allo sviluppo turistico ed economico del territorio.

 

Fonte: http://www.webnews.it/2014/09/22/fastweb-e-la-basilicata-contro-il-digital-divide/?utm_source=newsletter&utm_medium=email&utm_campaign=Newsletter:+Webnews&utm_content=22-09-2014+fastweb-e-la-basilicata-contro-il-digital-divide

Commenta

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi