La scomparsa del Prof. Vincenzo D’Albo, già preside e sindaco di San Severino Lucano, consigliere provinciale.

Stampa questo articolo Stampa questo articolo

8961376_origUn cristiano esemplare, un politico fedele al popolo, un cittadino onesto.

In silenzio e con estremo riserbo che ha caratterizzato l’ultimo sofferto scorcio della sua esistenza, l’amico Vincenzo se n’è andato al Padre, il 2 ottobre.

E’ tornato alla “Casa del Padre” con la gioiosa certezza di aver compiuto sempre e ovunque, nel corso della vita, la divina volontà.

Lo ricorderò amico buono, amico sincero, con il perpetuo sorriso sul labbro, sempre disponibile per qualunque favore senza mai nulla chiedere. Perciò la sua memoria difficilmente si potrà cancellare.

Lascia ai familiari e a quanti lo conobbero ed amarono una ricca eredità di affetti.

Dalla operosità fattiva, Vincenzo si è prodigato instancabilmente, quale sindaco di San Severino nel decennio 1970-1980, per il progresso del suo amato natio paese.

d'albo66Promotore del bene comune e dei valori etico-cristiani ha sempre manifestato la sua fede, senza tuttavia ostentarla. Per lui la fede era fonte di ispirazione per la vita, era un sostegno per conservare l’integrità nei comportamenti, era la forza per l’impegno civile e politico.

Di lui avremo davvero un ricordo meraviglioso con la fiducia di emularlo in ciò che in particolare lo distinse dagli altri: l’amore e il rispetto per il prossimo, perchè – come diceva Cicerone – “la vita dei morti sta nella memoria dei vivi”.

Addio Vincenzo, amico e padre, che il Signore ti conceda le gioie della vita eterna, per seguire e proteggere ancora con amore, la sposa prof.ssa Amelia Bernardi, le figlie Suor Maria Francesca, Odette, il figlio Antonio, la nuora Francesca e la sorella Angela.

Caro Vincenzo, non solo i tuoi cari piangono la tua morte, ma un intera popolazione, che ti amava, tutti i tuoi amici, che avevano in te una illimitata fiducia.

E non basteranno le lacrime a confortarci, non basteranno le ragioni, alle quali siamo soliti ricorrere in simili dolorose circostanze… Tu conoscevi il prezioso segreto di farti amare. Solo il pensiero di saperti in un mondo migliore del nostro e la certezza che tu continuerai ad amarci oltre la tomba, ci son di conforto in quest’ora tanto dolorosa.

La vita ci è stata data per cercare Dio, la morte per trovarLo, l’eternità per possederLo.

Commenta

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi