Sànda Łucìjë (Santa Lucia)

Stampa questo articolo Stampa questo articolo

santa_Lucia

Sànda Łucìjë 

Sànda Łucìjë stavìjë nda nu crucëvìjë e ĉhjangìjë.

Passǽvë Gesucrìstë e ‘a Vèrgënë Marìjë.

_Che gǽjë, ca ĉhjàngësë ?

_Che vògljë avè, Gesucrìstë e Madònna mìjë; tènghë na fòrta vàmbë a st’uóĉĉhjë ca non pòżżë pëgljǽ nè réqujë, nè rëpósë.

_’U sǽjë che buójë fæ ?

Væ àll’uórtë ca c’è ł’èrëvë ‘i San Giuvànnë.

C’a żappullìĉĉhjë ‘i górë ‘àmmë żappǽtë e co (l)làcrëmë d’uóĉĉhjë ‘àmmë adacquǽtë.

Pìgljënë tre pùndë e co sta vërëghèllë ‘i górë tre vótë mittaccìłë e dìcë :

“A nómë ‘i Ddìjë e d’a Vèrgënë Marìjë non c’èdda rumǽnë nè sègnë nè małatìjë”.

 

 

Santa Lucia 

Santa Lucia stava in un crocevia e piangeva.

Passò Gesù Cristo e la Vergine Maria.

_Che hai? Perché piangi?

_Cosa volete che abbia, Gesù Cristo e Madonna miei; ho un forte bruciore agli occhi tanto da non poter prendere né pace né riposo.

_Lo sai che vuoi fare?

Va all’orto dove c’è l’erba di San Giovanni.

Con la zappetta di oro l’abbiamo zappettata e con lacrime (degli occhi) l’abbiamo innaffiata.

Prendine tre punte e con questa steccuccia d’oro tre volte metticele e dici :

“A nome di Dio e della Vergine Maria non ci deve restare né segno né malattia”.

Commenta

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi