Sanità: al Crob un incontro sul Patto per la Salute

Stampa questo articolo Stampa questo articolo

Rionero. Franconi: “Finalmente cifre certe su risorse, ma importanti sono le novità sull’umanizzazione delle cure”

downloadGli obiettivi e i progetti dell’Irccs-Crob – alla luce del “Patto della Salute per gli anni 2014-2016” siglato il 10 luglio scorso nella Conferenza permanente per i rapporti tra Stato, Regioni e Province autonome – sono stati presentati questa mattina a Rionero in Vulture.

Ricerca, accreditamento e qualità, rapporti con i pazienti, nuove tecnologie, ma soprattutto l’umanizzazione delle cure sono stati alcuni dei temi affrontati da specialisti ed operatori dell’Istituto nel corso di un incontro, che si è tenuto nell’auditorium del Crob.

Nella fase iniziale dei lavori, dopo i saluti del sindaco di Rionero in Vulture, Antonio Placido, il presidente della Regione Basilicata, Marcello Pittella, in  un video-messaggio ha rimarcato che “il Crob è una struttura avanzata, che si caratterizza per le ottime pratiche di ricerca che lo configurano su scala nazionale come punta di diamante nella Sanità e nella ricerca per patologie significative e importanti che pesano molto sulla dimensione umana”.

“Abbiamo fatto molto sul versante dell’umanizzazione delle cure – ha evidenziato il direttore generale dell’Irccs-Crob, Pasquale Amendola -, la nostra ambizione è quella di riporre al centro dell’assistenza la persona, e vogliamo farci trovare pronti a quello che il Patto della Salute porrà come vincolo alle strutture sanitarie della Regione. In questo – ha concluso – possiamo puntare sulle risorse  del nostro personale e dei nostri ricercatori che si impegnano con passione”.

Sul nuovo Patto per la Salute si è soffermato l’assessore regionale alle Politiche per la persona, Flavia Franconi. “Il Patto – ha commentato – è importante per vari motivi, ed anche perché finalmente abbiamo cifre certe sulle risorse che il sistema sanitario ha a disposizione almeno per tre anni. Nel Patto per la Salute – ha aggiunto – fondamentale è la norma che prevede che i risparmi ottenuti siano reinvestiti nella Sanità. Quello che abbiamo in Basilicata con il Crob – ha proseguito  – non è solo ottima ricerca sanitaria ed ottima assistenza, ma è anche un esempio importante per quanto riguarda le attività per l’umanizzazione delle cure. Con la nostra attività a livello di programmazione regionale – ha spiegato Franconi – cercheremo di potenziare gli ospedali. Abbiamo fatto investimenti a Melfi e a Policoro, stiamo ristrutturando Tinchi; investimenti saranno fatti anche a Villa d’Agri. Come Regione non ci tiriamo indietro, stiamo cercando di creare una rete e di innovarla”.

De-Filippo2Il direttore generale della Ricerca e dell’Innovazione in Sanità del Ministero della Salute, Giovanni Leonardi, nell’illustrare le novità del Patto per la Salute, ha detto che “gli obiettivi sostanziali sono tre: assicurare la sostenibilità, dimostrare che la Sanità non è un costo ma un investimento, ottenere una governance fra Stato e Regioni. L’umanizzazione – ha sottolineato – è il primo tema del Patto: occorre investire per umanizzare i servizi”.

“Le occasioni che sono state colte negli anni precedenti si possono moltiplicare – ha affermato il sottosegretario di Stato al Ministero della Salute, Vito De Filippo – perché il quadro finanziario e gli indirizzi che le Regioni e il Governo hanno deciso possono consentire un’ulteriore leva di crescita anche in termini di riorganizzazione. Nel Patto della Salute c’è un capitolo a parte, che prevede un obbligo di riorganizzazione delle strutture in termini di umanizzazione: per la prima volta entra ufficialmente questo argomento in un documento istituzionale”.

Fonte: http://giornalelucano.com/2014/10/27/sanita-al-crob-un-incontro-sul-patto-per-la-salute/80579

Commenta

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi