Ch’avùtë u pǽnë è muórtë e ch’avùtë u fuóchë è cambǽtë (Chi ha avuto il pane è morto e chi ha avuto il fuoco è vissuto)

Stampa questo articolo Stampa questo articolo

Dal “Dizionario dialettale di Francavilla sul Sinni” scritto da Luigi Viceconte, pubblichiamo la fiaba:

Ch’avùtë u pǽnë è muórtë e ch’avùtë u fuóchë è cambǽtë”

Ch’avùtë u pǽnë è muórtë e ch’avùtë u fuóchë è cambǽtë

download

C’èrënë na vótë dùjë frǽtë sènza màmmë e sènza tǽtë ca nonn’avìnë mànghë ł’uóĉhjë pë ĉhjàngë.

Na matìnë ‘i vjérnë, ca facìjë nu frìddë ‘i cǽnë, u frǽtë ĉĉhiù grànnë è dìttë:

_ tu væ cèrchë angùnu stuóżżë ‘i pǽnë, ca ji vǽłë nd’u vòšchë a rëcògljë

Łèvënë p’appëccëcǽ nu pìcchë ‘i fuóchë.

Ènnë jëssùtë d’a cǽsë.

‘a sèrë, dòppë ca tùttë dùjë s’avìnë rëcuótë, u prìmë frǽtë è dìttë:

_ji fàzzë u fuóchë e tu dàmmë nu pìcchë ‘i pǽnë.

_ ognëgùnë së tènë u sùjë_ è rëspuóstë u frǽtë ĉĉhjù żìnnë e së ne ĝĝhjùtë nd’u catuójë a së mangiǽ tùtt’u pǽnë.

U frǽtë grànnë, tùttë murtëfëcǽtë e muórtë ‘i fǽmë, è mìsë i łèvënë nd’a fucàgnë e è ppëccëcǽtë u fuóchë; po s’è ssëttǽtë a rǽsë ‘a cëmmënèrë e, p’a tròppa stanghèżżë, c’ha scappǽtë u suónnë.

Nd’a nuttǽtë tùttë na vótë s’è rëvëgljǽtë e è currutë a d’u frǽtë ĉĉhjù żìnnë p’u fæ jì a scarfǽ nu pìcchë, ma ‘ha truvǽtë muórtë p’u tròppë frìddë.

Da tànnë c’è rëmàstë a dëttǽtë: “ch’avùtë u pǽnë è muórtë e ch’avùtë u fuóchë è cambǽtë”.

 

 

 

Chi ha avuto il pane è morto e chi ha avuto il fuoco è vissuto

CIMG2871

C’erano una volta due fratelli senza padre e senza mamma, ( tanto poveri ) che non avevano neppure gli occhi per piangere.

Una mattina d’inverno, che faceva un freddo cane, il fratello più grande ha detto: _ tu va in cerca di qualche tozzo di pane, che io vado nel bosco a raccogliere legna per accendere un po’ di fuoco.

Sono usciti di casa.

La sera, quando entrambi erano rientrati, il primo fratello ha detto:

_ io accendo il fuoco e tu dammi un poco di pane.

_ ognuno si tiene il suo_ ha risposto il fratello più piccolo e se n’è andato nel locale sotto casa a mangiarsi tutto il pane.

Il fratello grande, mortificato e morto di fame, ha messo la legna nel focolare ed ha acceso il fuoco; poi si è seduto vicino al camino e, per la troppa stanchezza, è stato vinto dal sonno.

Durante la notte si è svegliato di soprassalto, è corso dal fratello più piccolo per indurlo a riscaldarsi un po’, ma l’ha trovato morto per il troppo freddo.

Da allora è rimasto il detto : “chi ha avuto il pane è morto e chi ha avuto il fuoco è vissuto”.

 

 

 

 

Commenta

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi