Francavilla sul Sinni

Stampa questo articolo Stampa questo articolo

felice di nubila“…è un’autenticità, quella dei documenti, confermata nelle tradizioni popolari, custodite dalla nostra gente fino agli anni recenti, in cui molti anziani le vivono ancora con i comportamenti, con racconti, con le immagini che ci hanno consegnato immagini chiare ed espressive, pur costruite con la modestia del linguaggio parlato e scritto oltre che con la rudimentalità degli strumenti della rappresentazione visiva in disegni e fotografie “; ”…. è un’autenticità che consegniamo ai giovani, perché continuino, con lo stimolo della curiosità una ricerca volta a cogliere nella nostra storia i segnali, i ricordi, gli insegnamenti , i valori ….”.

Per raccontare il libro di Felice Di Nubila, FRANCAVILLA SUL SINNI, le origini feudali, la civiltà contadina, il lavoro, lo sviluppo, edito da SER Società Editrice Romana – potrebbero bastare le sue stesse parole scalfite nel suo preambolo, questo non è un libro di storia.

Invece si potrebbe dire che è la storia, nei suoi piccoli rivoli di ricordi, di fotografie, di visi allegri e meno.

Sono tasselli ben messi con il tempo e nel tempo, dove passeggiando per strade ormai virtuali, il lettore, rincorre la luce dei propri ricordi, gli stimoli e le speranze mai sopite di ogni francavillese che aspettava l’alba di un nuovo e migliore quotidiano.

C’è la storia, nei suoi passaggi autentici, nei suoi monumenti, come la Certosa di San Nicola, che è stata, come dice Di Nubila, centro animatore della media

Valle del Sinni per ben quattrocento anni, la storia del castello del Rubbio da dove prese il nome, il fiume e la valle, la storia della pergamena (1349) che contiene il contratto tra il monastero e un gruppo di vassalli con una serie di prescrizioni e prestazioni che questi ultimi dovevano osservare nei confronti dei monaci della Certosa.

L’autore, pero, attento e appassionato riporta tra le pagine del suo impegno letterario, un documento. Redatto dall’Università degli studi di Bari, dipartimento di Scienze Storiche e Geografiche, con il titolo – Proposta per lo sviluppo della ricerca storica su Francavilla e la Media Valle del Sinni

Il documento appare il cuore propulsivo e predominate di tutta la documentazione presente nel testo.

La proposta contiene una ricerca che s’inserisce nel quadro generale del recupero di monumenti medievali e moderni del territorio non solo di Francavilla, ma di Chiaromonte, Senise, Episcopia … e cosi via.

Una ricerca partita nel lontano 1989 e proseguita nel 1990 /1991 dove si pensa di recuperare la Foresteria della Certosa di San Nicola per adibirla come sede del Centro Studi della Media Valle del Sinni.

felice 2Sembra un documento di una preveggenza unica che ha anticipato le volontà attuali di mettere mano a un concreto intervento sulla certosa.

E’ un atto concreto che non potrà essere adombrato da apparenze politiche o da estemporaneità del momento.

Dal quell’atto si dovrà partire per intervenire veramente a risanare e ristrutturare la parte migliore della storia francavillese.

Assaporando ogni pagina e ogni piccolo rigo del discorrere di Felice Di Nubila, non si può non concordare con il prof Ferdinando Mirizzi che dice:…il libro curato da Felice Di Nubila si colloca su un piano di un’operazione culturale che tende a dare consapevolezza e valore cognito alla memoria locale.

Una domanda sorge spontanea, dopo la lettura del libro: quali sviluppi dopo la ricerca storica?

E’ volontà vera quella di intervenire sulla nostra storia? .

Con quali soldi?.Quando se ne parla, si fa solo per mostrare la nostra voglia smisurata di apparire o perché veramente ci crediamo e siamo convinti che dal passato si possa dar luce a un vero futuro dopo l’oscurantismo del nostro presente?

 

Commenta

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi