Tuttǝ kurpǝ du’ viendǝ! (Tuttǝ kurpǝ du’ viendǝ!)

Stampa questo articolo Stampa questo articolo

1

 

Tuttǝ kurpǝ du’ viendǝ!

 

Allu Tärzǝ Pondǝ suttǝ h’arkǝ grannǝ

jòkǝnǝ allu Júdǝcǝ ’i guagnǝniéllǝ.

 

H’arijǝ jè tisǝ e šuscǝ fortǝ‘u viendǝ.

 

Sǝ surkiǝ ‘u nèse Giannǝ e grullǝ ‘mmènǝ h’uossǝciellǝ:

skarànghǝ h’uocchiǝ e   lu sbahanzǝ co’ tutt’u sǝndǝmendǝ.

 

‘U tummariéllǝ zumbǝ e arròzzǝhǝ ‘ndarrǝ:
s’annakuhéjǝ e po’ sǝ kiandǝ a castǝllinǝ sdrammǝ…

2

                           ‘Na furrètǝ ‘u strèkǝ gobbǝ all’arijǝ…

                                                                

Jastémǝ ‘u sbǝrrakkionǝ e s’a pigliǝ co’ lu viendǝ.

 

«Ciuccǝ!»

‘I gridǝ Carpuccǝ co’ lu sgrugnǝ

«pèr’a mènǝ!…»

 

S’a rirǝ Pǝppǝnuzzǝ ; a Giannǝ sfurrǝ ‘u kiandǝ

ma sǝ fè forzǝ:‘nzarrǝ i diendǝ e stenn tisǝ’a mènǝ ‘nnàndǝ:

«Tuttǝ kurpǝ du’ viendǝ!»

 

3

Tutta colpa del vento!

 

Al “Terzo Ponte”sotto l’arco grande

giocano al “Giudice” i ragazzini.

 

L’aria è fredda e soffia forte il vento.

 

Tira su il moccio Gianni e scrolla nella mano l’ossicino:

strabuzza gli occhi e lo lancia con destrezza.

 

Il tozzerello schizza e ruzzola a terra:

traballa e poi si pianta ritto di traverso.

 

Una folata lo sdraia gobba in aria.

 

     Impreca il discolaccio e se la prende con il vento.

 4

«Ciuccio!»

gli grida Carpuccio a muso duro

«Stendi la mano!»

 

Se la ride Peppinuzzo ; a Gianni sfugge il pianto

ma si fa forza: serra i denti e protende tesa la mano avanti:

«Tutta colpa del vento!»

 

 

(filippo digiacomo,© marzo 2015)

Commenta

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi