Stravìsǝ (Extra visu) – (Clandestino)

Stampa questo articolo Stampa questo articolo

Stravìsǝ

                                                           (Extra visu)

 2012-11-barcone-2

T’héj’assuòtǝ.

Hèjǝ spǝzzètǝ ‘i katénǝ

e tǝ n’hèjǝ fijùtǝ hundènǝ.

H’acqua sàvǝzǝ du’ mèrǝ

t’hèjǝ ‘gnettutǝ

chiangenne i muortǝ

attuonǝ a té,

appǝnzǝhètǝ a ‘na škardǝ

strapazzètǝ da h’ondä,

k’è cangǝllètǝ ‘u kiandǝ

e t’è ‘rrasètǝ fin’a què

com’a ‘na rèmä sikkǝ

sop’a rénä.

Ciessǝ, mo’,

gìrǝsǝ

nda’ sti’ fuossǝ garsǝ

com’a nu pandàsimǝ

ca sǝ portǝ ‘a mortǝ a spassǝ.

 

sbarchi 

Clandestino

images
Ti sei sciolto.

Hai spezzato le catene

e sei fuggito via lontano.

L’acqua salata del mare

hai inghiottito

piangendo i morti

intorno a te,

aggrappato a un rottame

strapazzato dall’onda

che ha cancellato il pianto

e t’ha sospinto fin quassù

come un ramo secco

sulla spiaggia.

Randagio, adesso,

vagoli

per queste forre arse

come un fantasma

che porta la morte a spasso.

(filippo digiacomo,© aprile 2015)

 

Commenta

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi