“Monaci, cavalieri e pellegrini al Santuario di Picciano”: un libro di don Donato Giordano

Stampa questo articolo Stampa questo articolo

unnamed-1140x641E’ stato presentato nei giorni scorsi, in una sala gremita di palazzo Viceconte, il volume di don Donato Giordano – edito da Altrimedia edizioni – “Monaci, cavalieri e pellegrini al Santuario di Picciano”. Una ricostruzione storica di notevole importanza supportata da una grande quantità e qualità di documenti.

Tra ricordi e aneddoti che hanno reso ricca e vitale l’esperienza e la presenza dei monaci di Picciano nella realtà materana, l’incontro ha visto susseguirsi numerosi tributi alla longevità della storia di una città senza tempo, come ha testimoniato anche il neo sindaco Raffaello De Ruggieri, intervenuto per portare il proprio saluto ai relatori e al pubblico intervenuto numeroso.

Il santuario di Picciano ha vissuto infatti una storia unica e longeva che lo ha visto al centro di narrazioni pre-medievali, punto di riferimento geografico, culturale, politico e religioso, lungo una vicenda che ha visto succedersi eremiti, pastori delle transumanze, pellegrini, cavalieri templari e giovanniti, monaci e sacerdoti.

Anna Giammetta

Anna Giammetta

L’incontro, moderato dal giornalista de “La Gazzetta del Mezzogiorno” Pasquale Doria, ha posto l’accento sulle fatiche dell’autore, don Donato Giordano (monaco dell’Ordine di San Benedetto), che attraverso la poderosa ricerca e il rilevante corredo iconografico ha saputo consegnare ai presenti le tracce di una presenza ultra millenaria. Un risultato ben argomentato da quei documenti continuativi ed estensivi che il professore Ferdinando Mirizzi (Università della Basilicata) non ha esitato a riconoscere come il fondamento logico e argomentativo dell’intero studio.

Interessantissime le connessioni e i riferimenti che mettono Picciano e il santuario al centro di un complesso incrocio di storie, culture, contaminazioni, o mettono in relazione diretta con l’Abruzzo attraverso le vie degli antichi tratturi della transumanza e la profonda religiosità popolare di pastori e pellegrini; offrono uno squarcio illuminante sulle storia minore di queste contrade attraverso i secoli; spiegano usanze e tradizioni sino all’oblio e alla successiva rinascita, quando cioè grazie ai monaci della Congregazione di Monte Oliveto si rese possibile – non più di sessanta anni fa – dare nuovo ruolo e nuovi significati al Santuario.

È stato l’abate generale emerito della congregazione, Michelangelo Tiribilli, assieme a monsignore Ligorio, arcivescovo di Matera-Irsina, a “fare memoria” di questi ultimi, fondamentali passaggi nella storia del Santuario, che ci consegnano oggi questa piccola grande storia.

Una pregiata opera che aggiunge un tassello importante nel panorama delle produzioni culturali a sostegno della Capitale europea della cultura nel 2019. La pubblicazione, molto curata anche dal punto di vista editoriale e tipografico che Altrimedia ha inteso editare e offrire al pubblico, vuole essere il primo di una serie di omaggi alla riscoperta dei beni storici, architettonici, artistici, culturali e spirituali legati alla religiosità nel nostro territorio, patrimonio fondante della stessa identità di Matera e premessa indispensabile per comprendere appieno il significato dell’essere una Capitale culturale.

La casa editrice materana intende così continuare il proprio impegno e offrire il proprio contributo in questa entusiasmante fase che la città sta vivendo.

Fonte: http://giornalemio.it/cultura/monaci-cavalieri-e-pellegrini-al-santuario-di-picciano-un-libro-di-don-donato-giordano/

Commenta

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi