Lettera aperta al Sindaco di Latronico

Stampa questo articolo Stampa questo articolo

 

Caro Sindaco,

 

Antonio Fortunato

Antonio Fortunato

     con grande piacere devo constatare che a Latronico in occasione della festa patronale di Sant’Egidio si conserva la tradizione di far suonare in piazza affermati e prestigiosi complessi bandistici la sera del 31 agosto di ogni anno richiamando tanti appassionati di musica sinfonica e lirica dai paesi circostanti.

Anche da Francavilla partecipiamo sempre (giovani e meno giovani), perché  nutriamo grande passione per la musica vantando una lunga tradizione bandistica.

latronicoQuest’anno, a mio modo di vedere, la banda di  Gioia del Colle ha eseguito un repertorio popolare (ricordiamoci che queste  sono feste di popolo) proponendo le arie più conosciute delle opere liriche di famosi autori. Ha riportato infatti un grande successo di ascolto.

Quando ci siamo salutati al concerto ti ho fatto notare, come feci l’anno scorso, il grave disagio a cui andiamo incontro  ascoltando  l’orchestra, perché essa, pur suonando su una bella cassa armonica illuminata come non mai, si trova in mezzo a un folto pubblico che passeggia incessantemente, a venditori ambulanti ed esercizi pubblici  che non creano le condizioni idonee  per un buon ascolto. E gli  appassionati irriducibili? Ecco come sono distribuiti. Uno sparuto numero ascolta in piedi, le persone più anziane sono sedute sui gradini delle scale esterne delle abitazioni, sui bordi delle fioriere e delle basi dei lampioni, sui muretti dei marciapiedi e sopra le casse della banda al lato della cassa armonica. Tante altre persone sono sedute ai tavoli dei bar  consumando bibite e sgranocchiando noccioline e roba varia.

autorità LatronicoNon e’ uno spettacolo degno di un paese come Latronico. Per ovviare a ciò te ne parlai l’anno scorso. Tu mi invitasti a segnalare la questione.

Quest’anno ho trovato la stessa situazione. Allora ho rotto gli indugi e  ti scrivo la presente. Mi hai detto che non si può cambiare, perché questa è la tradizione. E’ vero che ognuno di noi è un po’ conservatore, ma di fronte a questi gravi inconvenienti segnalati, bisogna necessariamente cambiare posto alla  cassa armonica e  sistemare tante sedie (non pretendiamo di avere  un anfiteatro) per consentire un ascolto in condizioni più  “umane”.

Sarebbe bello vedere poi  tra il pubblico regolarmente seduto anche le autorità del paese: Sindaco, Parroco, rappresentanti delle forze dell’ordine, Professionisti, Presidenti delle varie  Associazioni e così via per riallacciare un rapporto positivo tra Istituzioni e Cittadini.

Sono consapevole che tu non sei il responsabile di tutto ciò, ma confido nelle tue ottime capacità amministrative per risolvere, con chi di competenza, questo problema.

Francavilla sul Sinni 4 settembre 2015                    

 

Cordiali saluti

Antonio Fortunato

Socio dell’Associazione Musicale “S.Pisani”

Francavilla sul Sinni

 

Commenta

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi