Albino Pierro: evento culturale Tursi ottobre 2015

Stampa questo articolo Stampa questo articolo

 

Ernesto Calluori

Ernesto Calluori

La Basilicata è una terra dall’identità complessa e per certi versi anche misteriosa. Eppure nei suoi paesaggi naturali e quasi mitici racchiude personaggi, luoghi e opere d’arte assolutamente incomparabili. C’ è un tempo per ogni cosa! Non è un caso che il 23 giugno del 2015 il Consiglio Regionale di Basilicata abbia approvato all’unanimità una “Mozionedi iniziativa dei Consiglieri Regionali componenti l’Ufficio di Presidenza, Piero Lacorazza, Paolo Galante, Francesco Mollica, Paolo Castelluccio e Mario Polese, in merito alle iniziative per celebrare il poeta lucano ALBINO PIERRO. Con il suddetto documento si impegnava il Consiglio e la Giunta Regionale a promuovere – anche attraverso lo stanziamento di adeguate risorse – un programma di iniziative tese ad

Tursi "la Rabatana"

Tursi “la Rabatana”

onorare, nel ventesimo anniversario della morte, la memoria dell’illustre conterraneo, valorizzando i luoghi a cui furono legate le sue opere e la sua TURSI. Albino PIERRO – si legge nella mozione- più volte candidato al Premio Nobel per la letteratura e ritenuto dai critici uno dei più grandi lirici del ‘900, ha avuto un forte legame con la Basilicata, con Tursi e con il dialetto che scelse nel corso della sua vicenda artistica come mezzo per raccontare l’ emozione del ricordo”. Il Presidente Lacorazza, a margine dei lavori espresse compiacimento per l’approvazione della mozione, aggiungendo tra l’altro che, “si configurava in un tangibile segnale di sensibilità verso la figura di un grande poeta che ha innalzato il dialetto di Tursi al rango di una vera e propria lingua, una voce senza tempi riuscendo a travalicare i confini del paese e della regione“. Intanto, sabato 24 ottobre 2015, nella Sala Conferenze Benedetto XVI, ha avuto luogo la presentazione delle ristampe anastatiche di tre volumi di Albino PIERRO, curate dal Centro studi omonimo: “A terre du ricorde (Roma 1960), l’innammurate (Roma 1963) e Metaponto (Roma 1963). A seguire brevi saluti di Salvatore Cosma, (Sindaco di TURSI), Luigi De Lorenzo, ( primo cittadino di Aliano) e di

Albino Pierro

Albino Pierro

Antonio Loiacovo, (Presidente Parco Letterario C. Levi). Sulle tre raccolte è intervenuto da par suo, Pino Aprile, giornalista e scrittore nonché noto “meridionalista ” più seguito in Italia. Si sono succeduti gli interventi di Francesco Ottomano (Presidente Parco Letterario A. Pierro), di Giuseppe Labriola (già Sindaco di Tursi), di Francesco De Giacomo (Presidente Provincia di Matera), di Vito De Filippo (Sottosegretario alla Salute) e di Piero Lacorazza (Presidente Consiglio Regione Basilicata). Nel corso della serata, coordinata dalla giornalista Eva Bontatibus, sono state recitate liriche tratte dalle tre raccolte citate, mentre il cantautore Antonio Labate ha proposto alcune poesie rese musicalmente ancora più accattivanti. Un omaggio dovuto, aggiungiamo noi, al “Poeta a tempo pieno” stanno a ricompendiare il Poeta, le sue scelte, i motivi profondi della coerenza con il dialetto, la poetica da una parte, e l’uomo in tutta la sua dimensione ci riempie di ammirazione per la fervida vena poetica, confermandolo cantore originale.

 

Commenta

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi