San Mauro Forte: il campanaccio 2016

Stampa questo articolo Stampa questo articolo

Disegno Campanaccio

Disegno Campanaccio

L’Epifania tutte le feste porta via? Niente di più sbagliato per  San Mauro Forte, piccolo centro della Collina Materana che in questi giorni, con ansia, attende la tradizionale festa del Campanaccio (15-17 Gennaio) in onore di Sant’Antonio Abate. E’ in questa occasione (e purtroppo con rammarico bisogna dire solo in questa) che il paese vive una tre giorni davvero inusuale di festeggiamenti a suon di campane, piccole o grandi, che vengono agitate in segno di devozione, tradizione e scaramanzia.

Migliaia di campane, in un unico, fragoroso, indescrivibile suono di batacchi.

Rumore”, che però diventa, appena ci si abitua con le orecchie e ci si lascia trasportare, in un suono piacevole.

Dimenati senza tregua dagli scampanatori che organizzati in gruppi, percorrono le vie del paese, i campanacci, sembrano scandire lentamente i percorsi della memoria sconfinando dal sacro al  profano, dalla  realtà alla finzione.

Anna Giammetta

Anna Giammetta

Un ritmo cadenzato, un suono quasi ipnotico che pervade le strade ed i vicoli, rimbomba tra gli antichi palazzi  sale fino all’antica torre normanna, dilaga tra i secolari ulivi della vicina campagna, per andare poi a morire lontano. Un rito antichissimo che si rinnova ogni anno e che affonda le sue radici nei cerimoniali pagani propiziatori legati al culto della terra e della transumanza delle mandrie di mucche. Il tempo l’ ha mantenuto inalterato  tramandandolo attraverso la conoscenza popolare e le antiche tradizioni, carico di arcaici ed unici sapori che ogni anno ne diventano il corollario.

Momenti enogastronomici e convegni arricchiscono una festa tanto semplice quanto inusuale che di fatto potrebbe diventare  volano attrattivo tutto l’anno piuttosto che di poche ore.

In ogni caso, anche quest’anno il calendario di incontri proposti dall’Amministrazione Comunale, prende il via Venerdì 15 Gennaio da Piazza Caduti alle ore 10,00 con la Visita Istituzionale alla Torre Normanna , restituita in tutto il suo splendore dopo i lavori di restauro per poi proseguire verso Palazzo Arcieri per l’approfondimento convegnistico “La Torre di San Mauro Forte nella contea di Montescaglioso“. Ipotesi di sviluppo turistico. Un momento di riflessione e confronto tra tecnici, esperti, operatori turistici e rappresentanti delle Istituzioni.

Nel pomeriggio, alle ore 17,00 – presso la Chiesa Madre, Santa Messa in onore di San Mauro Abate, protettore del paese mentre, poco distante, sempre a Palazzo Arcieri, dalle ore 17,30 seguirà un momento in ricordo del musicista Otello Calbi, sanmaurese, ingegnoso compositore musicale scomparso da diversi anni ma ricordato da tutti con grande ammirazione. L’intenso intermezzo musicale sarà a cura di Daniela Ippolito (Arpa)  e Antonella Orofino (Voce) che eseguiranno brani del M.ro Otello Calbi.

Alle 21,00 tutti in Piazza Caduti ci si diverte con un concerto di musica popolare.

La giornata di Sabato 16, la più vissuta in assoluto nel triduo della festa, prevede alle ore 10,30 a palazzo Arcieri il convegno dal tema “La figura di Sant’ Antonio Abate come padre del monachesimo e Santo taumaturgo a cura dell’Azione Cattolica.

Alle 11,45 presentazione del dipinto opera di Tommaso Fabbrizio, diventato il manifesto dell’edizione 2016 del Campanaccio.

Alle 17,00 la sfilata di liberi suonatori di Campanacci per le vie del paese, mentre in Piazza Marconi, lungo via Giacinto Magnante e Piazza Caduti, saranno dislocati stand gastronomici per degustazione di prodotti tipici lucani.

IMG_7817Alle 21,30 in Piazza Caduti, raduno dei gruppi di liberi suonatori con successiva  sfilata finale  verso Piazza  Marconi e a seguire -sempre nella stessa piazza- un concerto di Musica Popolare.

La domenica, quando ormai il suono delle campane è lontano, nella chiesa di San Rocco, Santa Messa in onore di Sant’Antonio Abate, protettore degli animali. Alle 18,00 a Palazzo Arcieri  cerimonia e consegna del premio “Torre Normanna” ad Antonio Calbi, (nato a San Mauro Forte) per l’attività prestigiosa di direttore artistico e manager culturale svolta  nelle maggiori  istituzioni teatrali del Paese.

Alle 19,00 appuntamento conclusivo con Graziano Accinni (già chitarrista di Mango) per un momento di approfondimento della identità lucana, nenie, canti religiosi, tarantelle e ballate popolari.

Fonte: http://giornalemio.it/eventi/san-mauro-forte-il-campanaccio-2016/

 

Commenta

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi