Polvere: il dolore delle donne a teatro

Stampa questo articolo Stampa questo articolo

0001Il circolo Arci FrancaViva si mostra ufficialmente al pubblico portando sul palco del cineteatro Columbia a Francavilla in Sinni, l’11 febbraio alle 21.00, uno spettacolo unico e quanto mai attuale: “Polvere”, dell’artista Saverio La Ruina.

L’opera tratta uno dei temi più noti della cronaca attuale: la violenza sulle donne, non il femminicidio, ma ciò che sta sotto la punta dell’iceberg.

L’omicidio della donna è l’ultimo atto di un processo violento che si innesca molto prima e che continua a perpetrarsi nella coppia senza mostrare segni evidenti. Quella messa in scena magistralmente da La Ruina è una violenza psicologica sottile, impalpabile, quasi impercettibile, proprio come la polvere che avvolge la donna, la attanaglia, la intrappola fino a impedirle di vivere.

Gli spettatori sussultano sulla sedia, vorrebbero intervenire, vorrebbero impedire quello che succede sulla scena, vorrebbero fermare quell’uomo, vorrebbero proteggere quella donna (Cecilia Foti,interprete straordinaria). Impossibile rimanere indifferenti, restare fermi, impossibile far finta di non aver visto.

Nel teatro greco la catarsi aiutava lo spettatore a purificarsi dalle passioni “mostruose” che lo dominavano, qui non può esserci catarsi, ma solo la riflessione da parte del pubblico in sala. Calato il sipario ognuno dovrebbe interrogarsi e aprire gli occhi su quella violenza impalpabile che avvolge tante donne e le trasforma in vittime, ancor prima delle botte e prima ancora dell’uccisione che è la parte finale di un rapporto violento.

Il regista La Ruina, con questo spettacolo, conferma la sua grande sensibilità e capacità di riuscire a penetrare a fondo l’animo umano e, come un moderno Flaubert, riesce a “farsi” donna durante la stesura dell’opera. Sulla scena, invece, abbandona la sua sensibilità e veste i panni di un uomo volgare, violento, diventa un uomo cattivo e a tratti mostruoso. Chi conosce la sua gentilezza e i suoi modi garbati stenta a riconoscerlo e proprio così dà conferma del suo essere un grande interprete.

—-

Il circolo Arci FrancaViva, nato il 23 novembre 2015 a Francavilla in Sinni (PZ), è un gruppo variegato che unisce diverse anime di un piccolo paese ai piedi del Pollino. FrancaViva si pone come obiettivo primario la promozione della cultura in tutte le sue forme. Chiunque volesse condividere questo percorso insieme a noi può scriverci all’indirizzo mailarcifrancaviva@gmail.com o chiamare il 340 5606211

One Response to Polvere: il dolore delle donne a teatro

  1. Antonio Fortunato ha detto:

    Con molto compiacimento vedo la nascita del vostro Circolo sia per l’obiettivo primario della cultura in tutte le sue forme che vi siete posti e sia per il mio convincimento che,partendo appunto dalla cultura,dalla conoscenza della realta’,dalla passione per le forme associative,possiate dare un valido contributo alla vita politico-amministrativa locale ,che lamenta un grande vuoto.Tanti auguri Antonio Fortunato

Commenta

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi