Una minestra di ceci e grano al posto di “dolcetto o scherzetto”

Stampa questo articolo Stampa questo articolo

anima-morti1Grano, ceci acqua e sale. Ingredienti tanto semplici quanto preziosi per le indulgenze dei propri cari defunti. E’ “l’anima dei morti” piatto povero, a base di cereali e legumi,  che si cucina in occasione della ricorrenza del 2 Novembre in molte regioni del Sud Italia in special modo in alcuni paesi della Basilicata. Ma a prescindere dagli ingredienti, va ricordato che,  non c’è regione nel nostro Paese che non abbia una propria tradizione culturale e gastronomica  legata  a questa ricorrenza. Tradizioni spesso dimenticate che hanno ceduto il posto al celebre dolcetto o scherzetto e ai festeggiamenti di Halloween importati dai paesi anglosassoni. Ma come si cucina “l’anima dei morti”?

La sera che precede la festa di Ognissanti, si mette in ammollo una gran quantità di grano e di ceci (qualcuno ci aggiunge anche del mais) Al mattino successivo, poi, in un grosso pentolone si fa cuocere il tutto a fuoco lento per diverse ore e in abbondante acqua salata. Una volta cotta, la minestra è pronta per essere distribuita in piccole ciotole a vicini di casa e parenti. Più ciotole saranno distribuite, più indulgenze avranno assicurate le anime dei propri defunti.

Anna Giammetta

Anna Giammetta

Il grano, in particolar modo  viene associato sia  alla morte  che alla resurrezione e diviene il simbolo del continuo e incessante ciclo di morte e rinascita della natura. Mentre i ceci sono il simbolo di un paese agricolo e dei raccolti. Anche se, nella tradizione culinaria italiana il grano  è  un alimento molto presente sopratutto nelle regioni meridionali e della Magna Grecia.

Spesso lo si usa come base per dolci per commemorare i propri cari scomparsi. In questo caso, la particolarità sta nel fatto che non si cucinano dolci ma una vera e propria minestra.

Mangiare il grano nel Giorno dei Morti viene così ad assumere, oltre che valore rituale, valore propiziatorio per garantire continuazione alla vita e prosperità. Una tradizione che si perde nella notte dei tempi e che se non si rinnova di anno in anno è destinata prima o poi a scomparire.

fonte:http://giornalemio.it/cultura/una-minestra-di-ceci-e-grano-al-posto-di-dolcetto-o-scherzetto/

 

One Response to Una minestra di ceci e grano al posto di “dolcetto o scherzetto”

  1. Flora Febbraio ha detto:

    Non conoscevo questa tradizione, vado subito a mettere a mollo i legumi ed i cereali, che tra l’altro è un piatto salutare. Grazie per aver diffuso questa antica tradizione e usanza in occasione di questa ricorrenza.

Commenta

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi