Poste Italiane rinnova il piacere della scrittura con la tradizione delle Letterine a Babbo Natale

Stampa questo articolo Stampa questo articolo

I bambini della Scuola Materna “Giovanni Antonio Farina” di Lavello hanno spedito i loro auguri e desideri dall’ufficio postale di Via Federico di Svevia

 Questa mattina i bambini della 3^ Classe della Scuola Materna “Giovanni Antonio Farina” di Lavello, accompagnati dalla Madre Superiora Suor Angela e dalla maestra Roberta, hanno spedito le loro letterine di Natale dall’ufficio postale di Lavello, in Via Federico di Svevia, diretto da Marietta Grippo.

Poste Italiane invita i bambini a scrivere la tradizionale “Letterina a Babbo Natale”, quella che indirizza al Polo Nord gli auguri, i desideri e le speranze, che solo i più piccoli sanno donare a tutti con spontaneità e creatività. I portalettere sono già al lavoro, come ogni anno, per raccogliere i messaggi inviati ai più svariati indirizzi di fantasia ed assicurarsi che vengano ricevuti dal caro vecchietto con la barba bianca. Tutti i bambini che scriveranno a Santa Claus riceveranno da Poste Italiane una risposta personalizzata, un gadget e le istruzioni per scaricare sul proprio smartphone, o sul tablet, la App per giocare la magia del Natale. Quest’anno il protagonista è Lino Freddolino, un pupazzo di neve molto speciale che ha sempre freddo. I bambini dovranno quindi aiutare Babbo Natale a scaldare il cuore di Lino e a trovare il look preferito per lui, scegliendo la combinazione più simpatica e divertente, capace di liberare la fantasia.

Il fascino, il mistero e la gioia, di una tradizione antica si rinnovano puntualmente così ad ogni Natale grazie al crescente entusiasmo dei più piccoli, testimoniato dal numero sempre più elevato di letterine spedite. Anche per il Natale 2016 si prevede un elevatissimo volume di corrispondenza destinata a Babbo Natale. La capacità di esprimere idee ed emozioni scegliendo con cura le parole più adatte rappresenta una risorsa utile e preziosa anche nell’era di Internet, e scrivere una lettera con carta e penna aiuta a sviluppare e migliorare questa capacità: in questo senso, l’iniziativa di Poste Italiane rivolta ai giovanissimi “nativi digitali” rappresenta anche un piccolo contributo al loro percorso formativo.

(19 dicembre 2016)

Commenta

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi