Charlie è un inno all’Amore

Stampa questo articolo Stampa questo articolo

Commento all’articolo di don Camillo Perrone del 8.8.2017 dal titolo: “Quel bimbo che ci ha commosso: una lezione d’amore”.
La chiusura dell’articolo con una iperbole negativa e pessimista, mi offre lo spunto per esternare la mia modesta ma ferma contrarietà.
L’intera vicenda del piccolo Charlie è un inno all’amore, quello vero, sentito, che ha attanagliato l’anima ed il cuore di centinaia di migliaia di persone.

Vedere un povero bambino ridotto ad involto intubato ci spingeva a pensare che vi fosse la possibilità di scegliere per la vita o per la morte; per continuare forzatamente a vivere e soffrire in un tentativo terapeutico irragionevole oppure staccare la spina.
C’è chi è sicuro della scelta e chi no.
Ma questo non significa affatto “carestia di amorene, tanto meno, dover decidere se questo mondo debba essere non più luogo di morte ma luogo di vita.

Charlie morirà sapendo di essere stato amato da migliaia di persone“, hanno scritto i genitori. Frase bellissima e non certo significativa di carestia di amore.

Tutto lo staff medico dell’Ospedale di Londra ha partecipato alla vicenda con competenza professionale ma anche con grande amore; prodigando le cure finché era possibile pur sapendo, con assoluta certezza scientifica, che tutto questo non avrebbe portato ad alcuna guarigione.
Migliaia di persone, in uno slancio di emozione e di amore, hanno donato denaro per tentare e sperare in una guarigione impossibile.
Ma c’è di più: le somme raccolte saranno usate fino all’ultimo centesimo per la ricerca su questa malattia, ricerca fino ad oggi trascurata per evidenti motivi di mercato, affinché un giorno altri bambini possano vivere più a lungo e, forse, anche guarire. 
Trovo che tutto questo sia prova, per nostra fortuna, di sconfinato amore. 

Commenta

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi