Non lasciatevi impressionare di Michele Libutti  

Stampa questo articolo Stampa questo articolo

Armando Lostaglio

Gioca con la penna mediante storie in “agrodolceMichele Libutti, con pagine colme di episodi semplici quanto riflessivi. Come è nel suo stile, del resto, come nei precedenti quattordici lavori pubblicati in questi anni di intensa attività letteraria; lui che ha mutuato l’impegno di medico e scrittore da precedenti tanto illustri (Cronin in primis, forse?). Eppure Libutti non è da meno, nella maniera di raccogliere i messaggi che lancia la strada, o il suo stesso studio medico, o le reminiscenze di lunghi decenni di apprendimenti, classici quanto scientifici. Gli oggetti e le persone rivestono la funzione di mediatori ed in una certa profondità rimandano a ciò che eravamo, a ciò che siamo, a ciò che vorremmo essere.

La scrittura di Libutti ci allontana dal nostro panorama consueto, orlato dal ricamo sdolcinato dei colli che ci videro crescere e maturare: ci conduce in universi altri, in cerchi concentrici, o ad ellissi che probabilmente ci relazionano sempre qui, dove si è nati e cresciuti. Ma i voli dei racconti così argomentati consentono di andare ben oltre, verso umanità che altri scrittori o grandi registi (Woody Allen, Altman, Scola) hanno saputo conferire con una portata più universale, parlando di vita e di morte senza la tensione dovuta.

Non si comprime in situazioni anchilosate la sua scrittura, fa discutere del tempo e della vita, delle occasioni mancate (come in quella riscoperta cui però l’autore evita di “alzare l’asticella” per pudore). Ecco, dunque, è qui che Libutti conserva quella necessaria morigeratezza per assecondare (ma non assoggettarsi) una espressività collettiva che tende a mantenere equilibrio e moralità.                                                                                            

Scrive Deana Summa in prefazione: In questo nuovo libro

 

“i personaggi che prendono corpo nelle storie sono di fantasia o liberamente ispirati a parroci, professori, ingegneri, disoccupati, medici… Capaci di bieche meschinità da trivio sanno, però, anche interrogare l’imperscrutabile, discettare del male, della natura dei sogni, dell’eternità, della morte… E si sorride anche della morte, non solo non temibile ma quasi desiderabile in quanto ‘unico viaggio gratis della vita…’.”                                                                                                               

Vige infine una gradevole semantica anarchia, un filo rosso che collega i suoi precedenti paesaggi umani, ricchi di animali e cose, di persone e manie, dal sapore mai nostalgico di quel che eravamo. Ma forse di quel che potremmo migliorare, dentro e fuori di noi.

 

Non lasciatevi impressionare di Michele Libutti  

(Ed. Nuova Prhomos, pagg.158, 2017)

Commenta

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi