MINEURS di Fulvio Wetzl e Valeria Vaiano su RAI UNO 8 agosto – seconda serata

Stampa questo articolo Stampa questo articolo

L’8 agosto del 1956 a Marcinelle nelle miniere di carbone del Belgio morirono 262 minatori di cui 136 italiani. La RAI, quest’anno commemorerà la tragedia nazionale – mai dimenticata – trasmettendo proprio l’otto agosto su RAI UNO un film che è l’emblema dei nostri minatori in Belgio, che hanno contribuito, con il loro sudore, a garantire il carbone ad una Italia senza materie prime, dopo i terribili danni della seconda guerra mondiale. “Mineurs- minatori e minori” di Valeria Vaiano e Fulvio Wetzl, racconta la storia della massiccia emigrazione negli anni 50 dall’Italia ed in particolare dalla Lucania, verso le miniere del Belgio.

Armando Lostaglio

In Mineurs, si intrecciano affermazioni personali, conquiste strappate, rivalse sociali e culturali, come quelle dell’emblematico minatore Michele Doino di Bella. Un film che riporta alla memoria pagine dolorose per molti italiani ma che conferma la tenacia e la grande capacità di adattamento e di coraggio del nostro popolo. A raccontare quelle vicende saranno alcuni bambini di età intorno ai 10 anni. Sarà la loro esperienza e sensibilità il punto di forza del film.

Siamo nella Lucania fine anni ‘50: quattro bambini e la loro vita quotidiana in un piccolo paese. Armando ed Egidio sono di modeste condizioni economiche, Mario è il figlio del dottore e Vito di un restauratore di oggetti sacri. I bambini imparano a crescere a scuola (dove hanno un maestro capace di appassionarli) e nei giochi all’aperto. C’è però un ‘altrove’ che incombe. È il Belgio, con le telefonate degli emigrati che chiamano al posto pubblico. Sono i lucani andati a fare i minatori in un luogo lontano che diventerà vicino per Armando ed Egidio costretti a lasciare la loro terra e a dover iniziare il non facile percorso di integrazione in una nuova realtà.

Mineurs

MINEURS – MINATORI & MINORI – regìa di Fulvio Wetzl, soggetto e sceneggiatura di Valeria Vaiano e Fulvio Wetzl, è interpretato da Franco Nero, Valeria Vaiano, Cosimo Fusco, Ulderico Pesce, Antonino Iuorio e uno straordinario gruppo di bambini ed attori lucani, con le musiche originali di Adamo. Ben dodici i comuni lucani coinvolti nelle riprese: da Atella ad Acerenza, da Bella a Ruoti e Muro Lucano, da Cancellara a San Fele, da Rionero in Vulture a Rapolla, da Palazzo San Gervasio a Genzano e Oppido Lucano, tutte comunità che hanno offerto i propri luoghi particolari per un film che ha commosso pubblico e critica, non solo in Italia ed in Europa. Girato nel 2007, con il contributo pubblico e privato di Enti territoriali e Aziende come Fiat Sata, il film si è avvalso della collaborazione della Provincia belga del Limburg e delle Acli Belgio, di Pit e Gal Vulture-Alto Bradano e del CineClub “Vittorio De Sica” – Cinit.

Gli attori lucani: i piccoli Walter Golia e Tommaso De Luca; Canio Giordano, Chiara Lostaglio, Giuseppe Di Palma, Giulia Camera, Titti Lanzetta, Cristian Di Trani, Agostino Martucci, Nicola Pugliese, Leonardo Lo Vaglio, Donato Telesca, Roberto Pignatari. La famiglia bellese di Michele Doino, con Melina, hanno offerto un notevole apporto alla realizzazione del film.

Commenta

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi