In ricordo dell’avvocato Mario Mele

Stampa questo articolo Stampa questo articolo

E’ mancato, ieri l’altro, all’età di novantadue anni l’avv. Mario Mele, nostro concittadino, da anni trasferitosi in quel di Pordenone. La sua scomparsa ci induce a qualche riflessione per il legame di affetto verso Francavilla e i francavillesi.

Mario Mele

Nella sua lunga carriera di insegnante elementare ha lasciato un ricco patrimonio di amore per la cultura, per un corretto comportamento, per l’eleganza dello stile che lo contraddistingueva nei suoi rapporti con gli alunni, i colleghi, gli amici. Mario Mele ha percorso il suo cursus honorum ricoprendo con grande dignità professionale l’incarico di insegnante elementare, ebbe il suo primo incarico da maestro quando era ancora un giovanotto, nelle montagne di Francavilla, che gli rimasero sempre nel cuore. Conseguì due lauree, fu professore e poi avvocato. Divenne poi coordinatore dei giudici di pace di Pordenone e giudice tributario onorario a Trieste. Tutto nell’assoluta riservatezza con cui visse. Fino all’ultimo non cessò mai di aggiornarsi, nonostante non esercitasse più, tanta fu la passione per una materia per la quale spese la maggior parte della sua vita: il diritto. E con rettitudine visse

La sua cultura e la sua grande umanità gli hanno consentito di stabilire sempre rapporti di cordiale amicizia che ha nutrito verso tutti coloro con i quali si relazionava. L’amore per la sua Francavilla lo portava ogni anno a trascorrere un periodo di vacanza insieme con la sua famiglia. Sempre interessato alle questioni storiche, non faceva mancare il suo prezioso contributo, con aneddoti e racconti di fatti tramandati da memorie privilegiate, raccolte dalla tradizione orale. Ha contribuito così ad arricchire la ricerca storica che, com’e’ noto, un gruppo di studiosi sta conducendo da alcuni anni. Mario Mele, con la sua cultura e con l’amore viscerale verso Francavilla ci lascia un fulgido esempio di attaccamento alle origini, che rimane un valore fondante in tempi di globalizzazione diffusa.

Vada dalle colonne di questo giornale on line la vicinanza alla famiglia Mele – Di Nubila di quanti lo hanno conosciuto e stimato.

Commenta

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi