Tocca ai barbari ignoranti

Stampa questo articolo Stampa questo articolo

Prendo lo spunto dall’articolo di Antonio Fortunato “Ricordiamoci la storia, per non sbagliare” per dire che non credo sia il momento di un governo 5 Stelle/PD.

Vincenzo De Paola

Il PD è stato sonoramente bocciato dall’elettorato; arrivare al 18%, dimezzare i voti rispetto alle politiche del 2008 significa solo una cosa: gli elettori non lo vogliono al governo.

Il movimento 5 Stelle, invece, che nel 2008 non era neanche nato, oggi ha sfiorato un terzo dell’elettorato.

Difficile conciliare stati d’animo così contrapposti, difficile mettere insieme forze che negli ultimi 5 anni hanno combattuto aspramente fino all’insulto.

Ce lo vedete Renzi applaudire il discorso di Di Maio in Parlamento?

No, non ci siamo.

E un governo Centro Destra/5Stelle? Ancora peggio, Di Maio ha ragione, il CD non esiste, è una mera costruzione elettorale.

Fare un governo eterogeneo con 4 forze politiche (5 Stelle, Lega, FI e FDI) sarebbe come ripetere l’esperienza del secondo governo Prodi del 2006, una babele quotidiana.

No, io penso che oggi l’unico governo possibile sia un bicolore 5 Stelle Lega, due partiti che negli ultimi 5 anni non hanno governato, non si sono insultati, il 4 marzo hanno vinto le elezioni e quindi hanno la carica giusta per provare a migliorare il paese.

Da punti di vista diversi? Verissimo, qualunque governo dovesse nascere oggi sarebbe di compromesso, ma a livello di rappresentatività il bicolore sarebbe perfetto, perché i 5 Stelle rappresentano appieno il Centro Sud e la Lega rappresenta bene il profondo Nord.

Salvini – Di Maio

Sarebbe un vero governo di unità nazionale che, mescolando programmi diversi, potrebbe provocare lo shock (inteso come scossa) che oggi serve al paese.

Due esempi:

  1. Il Sud negli ultimi anni è stato completamente dimenticato, lasciato a se stesso. Il Sud ha bisogno di aiuto, con sussidi alle persone in difficoltà e investimenti pubblici nei settori ad alto valore (5 Stelle).
  2. Il Nord, vero motore economico del Paese, ha bisogno di un livello di tassazione più basso, è una inderogabile necessità (Lega).

Tocca ai barbari ignoranti provarci, loro hanno i programmi più utopistici e nello stesso tempo più rivoluzionari del momento.

Io gli darei l’occasione per realizzarli.

Commenta

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi