Sacra Linfa diretto da Felice Vino in anteprima regionale a Cantinando 2018

Stampa questo articolo Stampa questo articolo

Armando Lostaglio

A Barile il buon cinema non si ferma neanche con la pioggia. Nonostante continue interruzioni della corrente elettrica, il film diretto da Felice Vino Sacra linfa ha lasciato scaturire un dibattito di elevato interesse nel pubblico, all’interno della cantina di Antonio Sigillito. Questa XII edizione di Cantinando, promossa dall’Associazione Thorimus, è l’appuntamento agostano nel parco delle cantine di Barile, peraltro set cinematografico del “Vangelo secondo Matteo” di Pasolini (1964); e questa edizione si è caratterizzata dalle piogge serali, che non hanno comunque scoraggiato ospiti ed appassionati del buon Aglianico. E dunque, l’anteprima regionale del film Sacra linfa, con la presenza del regista Felice Vino (lucano ma bolognese di adozione), il produttore Gerardo Graziano, il direttore della fotografia Alessandro Rufino, le attrici Chiara Lostaglio e Luisa Larotonda, ed ancora l’assessore regionale Francesco Pietrantuono e il sindaco Antonio Murano, ha riscosso attenzione e buoni consensi da parte del pubblico.

Grazie all’impegno di Angela Caselle e di Daniele Bracuto che ha coadiuvato l’iniziativa, cui ha offerto un supporto anche il CineClub “Vittorio De Sica”. Il film Sacra linfa (HOLY ESSENCE) è stato interamente girato lo scorso anno nel Vulture (fra Barile, Atella, Rionero, Melfi e Venosa) con risorse professionali ed artistiche lucane (solo il protagonista Cristoph Hülsen è tedesco) ed è stato presentato a Cannes nell’aprile scorso al MIPdoc e MIPTV, meeting internazionali delle produzioni audiovisive e cinematografiche, dalla casa di produzione lucana BweB, l’azienda ha sedi non solo in Basilicata (a Potenza ed Atella) ma anche a Roma e Bologna.

“E questo film è uno dei progetti ambiziosi – sottolinea Gerardo Graziano, produttore esecutivo del Gruppo – che ci consentono di raccontare la nostra terra ad un pubblico molto vasto. Siamo orgogliosi del lavoro svolto finora e stiamo programmando di sviluppare ulteriormente l’idea per produrre un format televisivo in più puntate. Si svolgeranno a breve altre visioni in Basilicata con un occhio di riguardo anche verso le scuole”. 

Sacra Linfa (della durata di 75 minuti) è un viaggio intimo fra le bellezze del Vulture, nei toni e i cromatismi del rosso decantati dall’Aglianico. Il film, oltre all’attore tedesco, è interpretato da Mario Ierace, Erminio Truncellito, Chiara Lostaglio, Luisa Larotonda, Dino Paradiso e Pascal Zullino, con la partecipazione di Antonio Cascarano, Gerardo Giuratrabocchetti, Viviana Malafarina, Carolin Martino (produttori decennali di Aglianico del Vulture), e con gli Hautville Simona Bonavita Francesco Dinnella e Leonardo Nigro. Il protagonista si muove come gli antichi viaggiatori del Gran tour nei territori del Sud. Il soggetto filmico si avvale dell’innamoramento come base di esperienza; toccante è la scena del gruppo musicale che rimanda ad un film di Wim WendersLisbon Story” (1994), dove i Madredeus fanno da contraltare alla narrazione. Sacra Linfa è un film che può funzionare nella conoscenza del territorio e nell’apprezzamento del rosso del Vulture, come hanno sottolineato l’assessore Pietrantuono e il sindaco di Barile Murano.

Presenti alla “prima” anche i produttori Viviana Malafarina, Carolin Martino; Gerardo Giuratrabocchetti evidenzia un concetto poetico legato all’Aglianico ed al territorio vulcanico dove si innesta l’antico vitigno:

“E’ il tufo che allatta la pianta”,

e a rendere linfa vitale il vino del Vulture.

Commenta

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi