SPERIMENTAZIONI TEATRALI A SANTARCANGELO: Santarcangelo racconta la Basilicata – Idee per un viaggio sensoriale

Stampa questo articolo Stampa questo articolo

In scena il 29 agosto “Qualcosa di femminile”

Santarcangelo, 28.08.2018 – Il Comune di Santarcangelo scommette sul teatro e, in particolare, sulla sperimentazione che tiene insieme la tradizione e la spinta verso il futuro. Proprio su questa linea si inserisce lo spettacolo “Qualcosa di femminile”, che verrà messo in scena mercoledì 29 agosto, presso la piazzetta rione “Pinta di Mauro” e che è l’iniziativa finale del progetto “Santarcangelo racconta la Basilicata – Idee per un viaggio sensoriale”, progetto rientrante nei Beni intangibili della Regione Basilicata.

La regia dello spettacolo è affidata a Erminio Truncellito, attore e maestro di recitazione, nonché uno degli artisti più rappresentativi della “lucanità” nella sua declinazione contemporanea. Truncellito dirige due promesse del teatro lucano, Francesca Ambrosio e Manuel Santagata, che interpretano la riduzione di un testo dello scrittore e filosofo Pierpaolo Grezzi, accompagnati dalle musiche di Mirko Gisonte.

La vicenda vede protagonisti Gerardo Scardaccione-Sinerchia, singolare intellettuale squattrinato e nobile decaduto, e Teresa, la donna che si prende cura di lui. L’intera trama viene sorretta dalle apparizioni di un misterioso personaggio femminile, che si scoprirà essere Giulia la Santarcangelese, e dalla letture di passi del famoso libro di Carlo Levi, “Cristo si è fermato ad Eboli”. Realtà e una sorta di magismo poetico si intrecciano nei dialoghi serrati, conditi da ironia e riflessioni sulla vita. Da sottofondo all’intera trama, vi sono alcuni elementi della tradizione santarcangelese e, più in generale, lucana.  

L’Assessore alla Cultura del Comune di Santarcangelo, Lucia Finamore, che ha fortemente voluto la realizzazione dello spettacolo, ha dichiarato che:

“la rappresentazione vuole essere il punto di partenza per la creazione di un laboratorio teatrale permanente, che permetta di raccontare Sant’Arcangelo tra storia e attualità, attraverso forme narrative sperimentali già messe in atto anche quest’estate da ragazzi del posto con il recupero e la rilettura di autori santarcangiolesi”

Commenta

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi