dalla 75 Mostra del Cinema di VENEZIA

Stampa questo articolo Stampa questo articolo

Lido di Venezia. Il Lido offre sempre una visione di se confortante  e sconcertante, in particolare per quanti chiedono all’arte, ed al Cinema in particolare, lo sguardo sul mondo, sulle sue inquietudini, su quanto si muove attorno all’uomo contemporaneo.

Casinò di Venezia

Tanti i film che finora hanno offerto la propria visione, e autori che scavano a fondo nelle proprie infinite peculiarità. il film in concorso ROMA di Alfonso Cuaron ci conduce con un bianco e nero elegantissimo negli anni 70 messicani, in una famiglia borghese (probabilmente autobiografico) nei tumultuosi anni della megalopoli CIttà del Messico, fra tumulti sociali e familiari. L’opera di Cuaron scorre con una leggerezza ed una immensa capacità di raccontare il quotidiano senza addentrarsi in concetture familistiche o di parte: accarezza con tenerezza la cameriera, il parto di una bambina nata morta (in un lungo piano sequenza), e i rapporti di una nuova famiglia scaturita in maniera pressoché spontanea.

Armando Lostaglio

I Fratelli Cohen  con THE BALLAD OF BUSTER SCRUGGS ci raccontano in sei capitoli pagine del vecchio West, a loro modo: usano linguaggi persino meta-teatrali e omaggiano il cinema di Sergio Leone; nell’episodio interpretato da Liam NeesonHarry Melling i due fratelli si superano in tenerezza e elevatezza, pur narrando di tragedia: bastano poche sequenze negli occhi del protagonista (Melling che non ha né braccia né gambe) per approdare a fondo in una drammaticità che sa parlare senza parole. Un capolavoro assoluto dei due fra i più grandi cineasti del mondo: avremmo chiesto loro in conferenza stampa: Il teatro, il cinema saranno scavalcati da tecnologie sempre più avanzate? La metafora del gallo che sa contare e che spinfge verso la fine lo sfortunato attore ce ne offre lo spunto.
Infine, sempre in concorso, il francese  DOUBLES VIES di Olivier Assayas, ci lascia immaginare il futuro della letteratura senza più libri: un film coraggioso e per certi aspetti fin troppo “francese” nei dialoghi (coltissimi) e nelle doppie vite interscambiabili ed ad incastro; brilla la sempre magnifica Juliette Binoche, vista per la prima volta a Venezia nel FILM BLUE di Kieslovski negli anni novanta.

Commenta

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi