Poste italiane per i piccoli Comuni

Stampa questo articolo Stampa questo articolo

Armando Lostaglio

ROMA – Fra i dieci impegni a favore dei piccoli Comuni, quello che è maggiormente avvertito riguarda il servizio Tesoreria. Esso è inserito tra le dieci priorità che l’amministratore delegato di Poste Italiane, Matteo Del Fante, ha enunciato alla vasta platea dei sindaci di Comuni al di sotto dei cinquemila abitanti. In tal senso, Cassa Depositi e Prestiti e Poste hanno siglato una partnership per l’erogazione del servizio di Tesoreria. Questo il progetto: CDP assicurerà la gestione delle anticipazioni di cassa nelle situazioni di temporanea carenza di liquidità. 

Poste garantirà la gestione di tutte le attività di incasso/pagamento e le verifiche di bilancio mediante un team di  risorse qualificate e dedicate, nonché la disponibilità di un Ufficio postale di radicamento per le attività che richiedono la presenza fisica e la accessibilità a tutta la rete di uffici postali per le attività di incasso.

Poste italiane prevede inoltre nuovi investimenti per ampliare la video sorveglianza sia all’interno che all’esterno degli uffici. L’abbattimento delle barriere architettoniche per i 1379 uffici è anch’essa una priorità enunciata dall’AD Del Fante affermando che entro il 2020 verranno demolite oltre l’80% delle barriere. I centri storici dei piccoli centri rappresentano dunque un pregio ma anche una criticità per le nostre comunità. Ad evidenziarne la loro storia e bellezza, Poste Italiane ha voluto che al convegno di Roma intervenisse il noto critico

Armando Lostaglio e Philippe D’Averio

, il quale in una articolata esposizione ha spaziato nella storia e nella evoluzione talvolta  nefasta dei nostri centri storici. Il nostro è un museo diffuso, con una tradizione millenaria nessun altro Paese può vantare. “Legare una pala d’altare una fetta di prosciutto, solo i nostri piccoli centri riescono a vantare“.

Ogni Comune è come una nave, in qualsiasi momento ognuno dovrebbe essere pronto a prendere il timone: con questo verso tratto da Ibsen,  il presidente dell’ Anci, nonché sindaco di Bari, Antonio Decaro, ha inteso ribadire la responsabilità ma anche la missione nella quale si spendono
quotidianamente i sindaci, in un ruolo delicato quanto esaltante.

Commenta

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi