Mezzogiorno – Tocca alle Donne

Stampa questo articolo Stampa questo articolo

Rionero in Vulture, 1° dicembre ore 16:30 – Scuderie di Palazzo Fortunato

Tocca alle Donne del Mezzogiorno cercare un dialogo necessario con il resto del Paese e occuparsi, da protagoniste, dei problemi del Sud. Le Donne possono e devono diventare il volto nuovo del Meridionalismo, per contribuire, finalmente, al superamento della Questione Meridionale.

Il primo incontro per avviare questo progetto, che si articolerà in un percorso di idee e di proposte, si tiene sabato a Rionero. È stato scelto un luogo simbolo: la casa di Giustino Fortunato, il padre nobile del Meridionalismo Lucano. Con lui i Nitti, i Rossi Doria, i Dorso, ma anche i Levi, gli Scotellaro, in una stagione irripetibile, durata almeno vent’anni, che diede voce e colori, attraverso scritti, parole e dipinti ai temi, che non passano, anzi, che paradossalmente sono ancora di attualità, oggi.

Si parlerà del del lavoro che c’è e di quello che non c’è, dunque della disoccupazione. Si parlerà dei servizi di cui c’è bisogno, che invece mancano. Si parlerà di leve di sviluppo e di cultura.

Al Convegno sono state invitate Donne di ogni età e di ogni condizione, un’occasione per confrontarsi ed elaborare pensiero. Tanti punti di vista e tante competenze, per interrogarsi sulle tante cose da fare al Sud, a cominciare dalla Basilicata . Con energia nuova, con la forza delle idee, senza il paravento della burocrazia e contro la corruzione.                                                                

Un tempo, le contadine e le operaie, che nei lunghi silenzi del Sud, coltivavano il seme del cambiamento, oggi le Donne delle professioni, accanto alle Donne della terra e delle fabbriche, con le altre Donne che non hanno lavoro, per esprimere l’urgenza di una partecipazione non più rinviabile, in un nuovo slancio di civiltà e di appartenenza alle proprie radici.

Carmen Lasorella

Il progetto, ideato da Carmen Lasorella, che ha promosso l’incontro di Rionero, ha scelto per il frontespizio d’invito, un quadro di Carlo Levi: LUCANIA ’61, simbolo di una terra irraggiungibile ed immobile, ma piena di dignità.

È dalla dignità, che si ricomincia. Con la passione delle Donne.

Commenti

  1. Ermete Nustrini ha detto:

    Come protagoniste dei problemi del nostro Paese, le donne dovrebbero far sentire , con forza, la propria voce su due temi da vera emergenza ma che sembra non interessare a nessuno :
    a) il manifesto disinteresse e scarsa sensibilità (anche culturale) della Magistratura italiana per contrastare veramente la violenza sulle donne;
    b) il palese crollo delle nascite che fa dell’Italia un Paese di vecchi, presto incapace di auto sostenersi. La politica se ne frega; le varie istituzioni,pure. Ed è il più grave errore che si possa fare.
    Buon lavoro.

Commenta

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi