Operatori di Marketing culturale e di turismo integrato

Stampa questo articolo Stampa questo articolo

Ruvo del Monte. Proseguono anche a Ruvo del Monte, lunedì 10 dic. alle ore 11, presso il Museo della Memoria, i corsi di formazione per Operatori di Marketing culturale e di turismo integrato, promosso da C.Consulting S.a.s. e finanziato da Forma.Temp su progetto di Fernanda Ruggiero che è docente e consulente di Nuovi Turismi.

Armando Lostaglio

Quindici i giovani dell’area di Vitalba, fra cui l’assessore alla cultura di Ruvo, Raffaele Mira, che si formano sulle discipline legate alla strategia e alla progettazione dell’offerta turistica integrata, in base all’analisi del mercato e del contesto territoriale. La valorizzazione delle risorse del territorio con la promozione dei pacchetti turistici sono al centro delle attività che mettano in risalto nella nostra regione natura ed ambiente, percorsi storico-culturali, realizzazione e promozione di eventi e, non può mancare, la enogastronomia, in una chiave che va oltre la consueta ritualità delle sagre.                                                                                                         

L’operatore di marketing culturale e di turismo integrato conoscerà le peculiarità dei nostri territori sotto diversi aspetti socio-economici della cultura locale, e mediante azioni pedagogiche e laboratori dell’accoglienza; inoltre, possiederà strumenti per il coinvolgimento nell’organizzazione della comunità ospitante. Anche la ricerca di informazioni mediante interviste e colloqui sono alla base della formazione dei giovani operatori che avranno modo così di riconoscere i valori tipici del territorio da mettere a frutto nei contatti con i gruppi turistici, che potranno approfondire le risorse del paesaggio e della vita urbana delle comunità.                                                                                                  

Ruvo del Monte

Fra le diverse discipline insegnate ai giovani operatori vi è spazio anche per il cineturismo.    In questi decenni si è dibattuto molto sull’influenza del Cinema sui viaggi finalizzati verso luoghi resi celebri da splendide inquadrature (con mezzi, oggi, sempre più sofisticati). Soltanto in Italia esistono oltre 1700 location utilizzate dal cinema, e la Basilicata ha molto da dire specie in questi ultimi decenni, con Matera punto nevralgico ma anche altri territori come il Vulture e Maratea. Ad approfondire questi aspetti nel corso di marketing culturale è il CineClub Vittorio De Sica – Cinit con sede a Rionero in Vulture – diretto da Armando Lostaglioche da decenni opera nella divulgazione della cultura cinematografica a più livelli, fra scuole, associazioni, università, e persino case circondariali.

O.M.C.T.I     C.Consulting S.a.s.                                                       CineClub Vittorio De Sica – Cinit 

A.L. Ufficio Stampa

6.12.2018

Commenta

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi