Buon Natale e buon Anno Agli anziani residenti al Colleverde

Stampa questo articolo Stampa questo articolo

Antonio Capuano

Non ero mai entrato a far visita a un centro di ricovero per anziani, lo immaginavo come una prigione per le persone sfortunate costrette a vivere in quella struttura. Avendo avuto modo di far visita a degli amici degenti al Colleverde di Francavilla, mi sono ricreduto in tutto ciò che pensavo.

Più che prigione, in questa struttura gli anziani vivono la loro terza vita in maniera gioiosa e dignitosa, come nel giardino delle favole, accolti da stupendi collaboratori, bravi Dottori e Infermieri, che con carezze e baci, ce la mettono tutta per dare un sorriso e far sorridere anche queste persone.

Al Colleverde gli anziani vengono impegnate in varie attività ricreative, sono rimasto stupito, come queste donne anziane insieme ad una collaboratrice facevano la pasta di casa.

anziani ospiti del Colleverde

anziani ospiti del Colleverde

Zia Maria di Manco di Basso di Episcopia, con il mattarello stendeva la pasta, arrotolava la larga sfogliata e veloce con il coltello tra le mani tagliava il rotolo da dove uscivano deliziose tagliatelle. Nella creazione degli addobbi di Natale, ognuno di loro dava il suo contributo. Queste iniziative fanno dimenticare loro di essere anziani, l’impegno del lavoro li fanno sentire giovani ed orgogliosi.

Quando non esistevano queste strutture gli anziani venivano accudite in casa, oggi per il cambiamento della vita, per il lavoro e tanti problemi i familiari non hanno più il tempo di dedicarsi a loro, questa scelta e diventata obbligatoria per tutti. Grazie a queste strutture che stanno diventando numerose, è devono essere ancor più numerose, perché ce n’é bisogno.

Residenza per Anziani Colleverde Francavilla

Residenza per Anziani Colleverde Francavilla

Oggi i giovani sono distratti dall’avanzata modernità, pensano poco agli anziani, non me ne volete se lo dico: “Curano più gli animali che i loro cari”. Peccato che il mondo gira alla rovescia, un giorno penso che tornerà a girare nel senso giusto. Il mio suggerimento ai giovani è quello di accostarsi agli anziani, perché, anche se loro hanno scuola e sembra che sanno tanto, nella vita c’è sempre da apprendere: “La vecchia non voleva morire, perché ancora aveva tanto da imparare”.

anziani ospiti del Colleverde

anziani ospiti del Colleverde

Buon Natale e buon Anno ai bravi Dottori del Colleverde, ai Dirigenti, agli Infermieri, al personale e a tutti gli anziani residenti.

                                                                            

 

Commenta

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi