Natale (Poesia di Giovanna Saporito)

Stampa questo articolo Stampa questo articolo

NATALE

Giovanna Saporito

‘E zampugnare, ‘e Magge,

Santu Peppe c’’o bbastone,

‘a Maronna c’’a cappa d’oro,

‘e pecurare, ‘e ppecurelle,

vicchiariélle assaje assaje

pe bberé a ‘o Bammeniéllo

nziem’a ‘o vòie e a ll’aseniéllo

rint’â grotta ca chiagne e strilla.

Sciocca, sciocca, ‘a strata è cchiena,

ma ‘int’ô firmamento spicca ‘a Stella

ca ‘o cammino renne chiaro,

mente l’Angiulillo dà na mana.

Sott’ô cielo ntrona e ddice

‘a campana: <<È ffesta granne,

è nnato, è nnato, è nnato ‘o Criaturo,

‘o Santu Criaturo, p’allummà ‘o cielo scuro,

pe dà a tutt’ô munno ‘a pace…

e ‘o surriso a ‘e scunsulate>>.

NATALE

(Traduzione)

Gli zampognari, i Magi,

San Giuseppe con il bastone,

la Madonna col manto d’oro,

i pastori, le pecorelle,

tanti vecchi assai assai,

per vedere il Bambino

insieme al bue e l’asinello

dentro la grotta che piange e strilla.

Nevica, nevica, la strada è piena,

ma nel firmamento spicca una stella

che rende chiaro il cammino,

mentre l’Angelo li accompagna.

La campana sotto il cielo suona e dice:

< < è festa grande, è nato, è nato,

è nato il Bambino, il Santo Bambino,

per illuminare il cielo scuro,

per dare a tutti un mondo di pace

e il sorriso agli sconsolati >>.

Commenta

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi