Ricordiamo il nostro compaesano Giovanni Donadio.

Stampa questo articolo Stampa questo articolo

Giovanni Donadio e sua moglie Ida

La redazione  di questo giornale  partecipa con grande commozione al lutto che ha ha colpito la famiglia Donadio per la morte del caro Giovanni e lo ricorda ai nostri elettori riproponendo la testimonianza resa sulla sua vita raccolta e trascritta da Antonio Fortunato.

Vogliamo ricordarlo inoltre nelle vesti che lo hanno caratterizzato negli ultimi anni della sua lunga esistenza: il leghista per antonomasia. Infatti, da uomo di sinistra aderì alla Lega Nord di Bossi in buona fede e con una passione da far invidia ai giovani. Quando veniva  in paese per trascorrere le meritate vacanze affrontava con tanti di noi le discussioni politiche  con determinazione, consapevolezza e massimo rispetto per gli altri riscuotendo simpatia e anche contrarietà. Sapeva cogliere  anche insieme alla cara moglie Ida tutte le occasioni di svago sano nelle sagre che si svolgevano da noi  e nei paesi  vicini.

Giovanni Donadio

Siamo sicuri, carissimi Ida ,Marisa e Mario, che manterremo vivo il suo ricordo per quello che ha rappresentato per la nostra comunità: un emigrante che si è fatto onore con il lavoro e l’onestà, marito modello e padre esemplare, cittadino corretto e persona che amava la vita. Riposa in pace, Giovanni.

La redazione vi ripropone  il racconto e la testimonianza che Giovanni Donadio ha reso a questa testata in data 2 maggio 2015

3 Responses to Ricordiamo il nostro compaesano Giovanni Donadio.

  1. Marisa Donadio ha detto:

    Ringrazio la redazione e in particolare Antonio Fortunato per le belle parole usate nel raccontare il Mio Papà……
    Con affetto
    Marisa

  2. filippo di giacomo ha detto:

    Una persona genuina, buona e cordiale che ricordo con affetto e simpatia. Ne ho appreso la dipartita ieri dal fratello Mario, mio amico, a cui rinnovo le mie più sentite condoglianze, con preghiera di estenderle ai familiari tutti e in particolare alla moglie e alla figlia del defunto. . Filippo Di Giacomo

  3. Mimmo De Benedictis ha detto:

    R.I.P. Caro Giovanni, ricordo tanti momenti passati insieme nel biellese ma uno in particolare di cadenza annuale “la festa patronale di Ternengo”. Giovanni, riferimento per gran parte di emigratiti Francavillesi in cerca di lavoro nel biellese. Ho lavorato per due anni nel suo piccolo paese dove abitava e posso testimoniare la grande stima che nutriva quella comunità nei confronti del Sig. Donadio . Addio Giovanni

Commenta

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi