Morso di Vipera – cosa fare e cosa non fare –

Stampa questo articolo Stampa questo articolo

CONSIGLI del MEDICO in caso di morso di VIPERA.

Nicola Vitola

La bella stagione, forse in po’ in ritardo quest’anno, è arrivata e nasce la voglia e l’esigenza, dopo il lungo periodo invernale, di compiere qualche bella passeggiata o scampagnata fuori porta per ritrovare il contatto con la natura, con il rischio sempre possibile di effettuare però incontri non sempre gradevoli. Uno degli eventi più spiacevoli e che tanta apprensione genera nella persona colpita e nei suoi soccorritori è costituito dal morso di vipera.

La vipera è presente in tutta la penisola e ne esistono quattro tipi: l’aspis, la berus, l’ammodytes presente solo nel Carso, in Cadore e Alto Adige e poco aggressiva, la ursinii, la meno velenosa. La vipera è facilmente distinguibile dalla serpe innocua in base alle caratteristiche morfologiche. Il corpo della vipera è caratterizzato da una testa sub-triangolare a forma di cuore, ben distinta dal corpo, le pupille sono verticali, a fessura, e tra occhio e bocca vi sono scaglie disposte su più file; la coda è tozza e tronca, ben distinta dal corpo. La morfologia di una serpe innocua è invece caratterizzata dalla presenza di testa ovale che si continua con il corpo senza collo, la pupilla è rotonda, tra occhio e bocca vi è una sola fila di scaglie; non esistono distinzioni fra corpo e coda, che risulta sottile e appuntita. Inoltre i segni del morso di vipera appaiono come due piccole ferite puntiformi, distanti fra loro 5-8 millimetri. Nel morso di serpente innocuo, i segni del morso corrispondono a una serie di ferite puntiformi superficiali ravvicinate e disposte in serie semplice a forma d’arco.

morso di Vipera

In poche patologie come nell’avvelenamento da morso di vipera esistono consigli e rimedi popolari tanto scorretti quanto pericolosi. Vediamo pertanto quali manovre non fare e quali fare in maniera corretta, in modo che possano successivamente favorire correttamente il trattamento medico. Tra le misure assolutamente controindicate in fase pre-ospedaliera evitare pratiche quali:

  • l’incisione e la suzione, che possono solo favorire la diffusione del veleno;
  • il posizionamento di laccio emostatico, che impedisce la corretta vascolarizzazione dell’arto interessato;
  • l’iniezione di siero antiofidico peri-lesionale e/o intramuscolare.

Naturalmente non vi è indicazione all’uccisione dell’animale per il riconoscimento, sia per il rischio di morsi ulteriori sia per il fatto che in Italia la vipera è specie protetta.

Tra le misure indicate risultano invece:

  • quella di tenere a riposo la persona colpita e tranquillizzarla;
  • togliere immediatamente orologio, anelli, bracciali e tutto ciò che può creare danno in caso di sviluppo di edema locale;
  • slacciare e/o tagliare i vestiti stretti nel distretto interessato dal morso (polsini di camicia, calze, collant, pantaloni);
  • se possibile, disinfettare la ferita e applicare ghiaccio non a diretto contatto con la cute (es. con interposta una garza o un telo);
  • in caso di tempi di trasporto prolungati e/o di fronte a una clinica in rapido peggioramento, effettuare un bendaggio compressivo e immobilizzazione;
  • disporre se possibile un accesso venoso.

Successivamente in fase ospedaliera si provvederà:

  • all’attribuzione della classe di gravità;
  • si verificherà la copertura antitetanica e si provvederà ad eventuale profilassi;
  • si effettueranno i prelievi d’urgenza;
  • si monitorerà la progressione dell’edema perilesionale e dei segni e sintomi sistemici;
  • si considereranno i criteri per la somministrazione dell’antidoto per il trattamento dei pazienti con classi di gravità più gravi, con l’infusione endovenosa del cosiddetto “siero antivipera”.

Buona passeggiata dunque e senza allarmismi inutili.

Commenta

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi