Liceo artistico RIONERO De l’acerba e cruda diva – Donne Cinema Basilicata – film A PORTE CHIUSE di Dino Risi (1961)

Stampa questo articolo Stampa questo articolo

Rionero in Vulture. Prosegue con gli studenti del Liceo Artistico Carlo Levi di Rionero il percorso cinematografico de l’acerba e cruda Diva, il verso di Isabella Morra che ha ispirato il progetto: Sequenze di Donne: il Cinema e la Basilicata.  

Alunni Liceo Artistico Rionero

                                         Pertanto, mercoledì 6 novembre dalle ore 9 alle 11 verrà proiettato agli studenti, a cura di Armando Lostaglio, il film di Dino Risi “A porte chiuse” – girato a Maratea nei primi anni ‘60 – e nel pomeriggio dalle 15 laboratorio di cinema con docenti e studenti a cura di Antonio Di Palma e di Francesco Verderosa.

cineclub vittorio de sica

La Dirigente scolastica Antonella Ruggeri esprime gratitudine per il lavoro svolto finora – che ha esordito lo scorso anno scolastico – grazie alla professionalità espressa dal CINECLUB VITTORIO DE SICA e dall’ASSOCIAZIONE MANTHANO, mediante l’approccio visivo e metodologico della rassegna che pone la Donna al centro del confronto culturale legato al cinema d’autore.                                                                                            L’ideazione è della Associazione Manthano presieduta da Antonio Fedota, Maria Sansone e Luigi Chiera, con il peculiare apporto circostanziato del CineClub “Vittorio De Sica” – Cinit presieduto da Armando Lostaglio.

Alunni Liceo Artistico Rionero

Della partnership progettuale fanno parte l’Accademia Belle Arti “Michelangelo” di Agrigento e New Form ente accreditato al MIUR. Aveva aperto la rassegna il film “Rocco e suoi fratelli” di Luchino Visconti, e proseguito con “I Basilischi di Lina Wertmüller; quindi il film “Stige” di Amila Aliani con la presenza della regista (di origini lucane); ed ancora la proiezione del film di Michele PlacidoDel perduto amore” con l’analisi critica di Chiara Lostaglio.                                                                            Il film di Dino Risi vede Maratea quale scenario incantevole di una vicenda – siamo ai primi anni ’60 – che si incardina sulla femminilità di una donna alquanto appariscente: è Olga, interpretata dalla diva Anita Ekberg, la cui immagine era appena esplosa con il capolavoro di FelliniLa dolce vita”.                                                                                                                        “Sequenze di Donne – Cinema e Basilicata”, grazie al coinvolgimento di registi e critici, offre agli studenti la possibilità di essere protagonisti attivi e anche critici in grado di analizzare le opere in maniera edotta ed autonoma. Il prodotto finale è la realizzazione di un portale web cinematografico, con una formazione attiva sugli strumenti propri della ripresa e del montaggio con i più moderni strumenti cinematografici.                                                                Dell’ I.I.S. “G. Fortunato” Liceo Artistico sono coinvolte le classi 4^grafica, 5^grafica e 5^design, in adesione con le azioni ministeriali del Piano Nazionale Cinema per la Scuola.   

 

Chiara Lostaglio – Comunicazione CineClub “V. De Sica”

Rionero in V. 5.11.2019

Commenta

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi