Archivio dell'autore Beatrice Ciminelli

No ius soli


Lo IUS SOLI costituisce un fattore di attrazione di ulteriore immigrazione; il miraggio di una cittadinanza facile incrementerebbe gli arrivi, nella speranza, da parte degli immigrati, di garantire ai propri figli un futuro da cittadini nella “ricca” Europa. In Paesi

Vergogna Unesco atto secondo


Dopo la risoluzione che negava i legami fra l’ebraismo e la Città vecchia di Gerusalemme, in tre giorni l’Unesco ha cancellato la presenza ebraica a Hebron, culla e tomba dell’umanità e della Bibbia. Vuol dire che l’islamizzazione è profonda e

Sulla Mole sventola la Mezzaluna


La finanza islamica segue la Sharia, la legge islamica, che fissa in materia di finanza tre principi capitali: il divieto di chiedere interessi (riba), considerati una forma di usura; la condivisione dei rischi e dei profitti tra creditore e debitore e, infine, l’obbligo

Gioco d’azzardo: un costume che diventa malattia


“Non chiamatelo gioco non è affatto divertente”. Questo il tema del forum sul gioco d’azzardo che si è tenuto il 29 aprile a San Severino Lucano, uno dei pochi paesi ad aver eliminato slot e video poker con un’ordinanza comunale

Di Eutanasia e altri disastri


I desideri del singolo stanno diventando diritti e ciò che dovrebbe rimanere nella sfera del privato rischia di trasformarsi in legge dello Stato. I diritti nascono da richieste di minoranze le quali riescono a ottenere consenso e promuovere un intervento

Il Pontefice icona di sinistra


Il lavoro che non c’è, la politica che non fa il proprio dovere, i fenomeni migratori, l’esclusione che porta a drammi quali i suicidi e il terrorismo. È un messaggio dal forte contenuto marxista quello di Papa Francesco, che in

L’Italia dimentica le foibe


Nonostante l’istituzione ufficiale di un Giorno del ricordo il 10 febbraio, sancito con la Legge n. 92 del 30 marzo 2004, dopo 57 anni di voluto silenzio ufficiale, rimane una ricorrenza ancora troppo poco sentita dalle scuole e dalle istituzioni. 

Oltre il velo islamico


Lafif Lakhdar, giornalista e filosofo tunisino, uno degli intellettuali più progressisti del mondo arabo, lo “Spinoza del medio oriente”, è considerato la “voce liberale del mondo arabo”. Nel 2002, il quotidiano saudita con base a Londra al Hayat lo licenziò per

Immigrazione: i falsi profughi


Chi sbarca sulle nostre coste, arrivando prevalentemente dall’Africa subsahariana, nella stragrande maggioranza dei casi non è un profugo. Questo è quanto afferma, dati alla mano, la professoressa Anna Bono, docente di Storia e istituzioni dell’Africa all’Università di Torino. I dati dicono

USA: Email- gate


A dieci giorni dal voto negli Stati Uniti, l’FBI ha deciso di riaprire le indagini sulle e-mail della Clinton. Una vera bomba gettata dai federali nell’agone della campagna, e che sta permettendo all’imprenditore newyorchese di recuperare continuamente terreno. Da parte democratica

La vita ad ogni costo


Mario Melazzini, oncoematologo, in doppia veste di medico e paziente, oggi è presidente dell’Aifa, l’Agenzia italiana del farmaco, e fondatore ed ex presidente di Arisla, l’Associazione per la ricerca sulla sclerosi laterale amiotrofica, la malattia che gli è stata diagnosticata

Vergogna UNESCO


Distorsione del reale e omissioni: è il caso della vergognosa risoluzione Unesco circa Gerusalemme, in cui si fa unilateralmente riferimento alle violenze inflitte dagli ebrei, senza alcun minimo accenno ai fanatici musulmani, ai terroristi islamici e alle continue violenze di

Nel nome dell’Islam


La vicenda è approdata davanti al tribunale di Bolzano ove il padre è sotto processo con l’accusa di abuso dei mezzi di correzione. La bambina non vive più con la famiglia, ma in una struttura di accoglienza. Ora ha 16

Preghiera in settembre


La storia di Tiziana Cantone ha lasciato tutti attoniti. Aveva acconsentito ad essere filmata mentre faceva sesso, si era fidata e, invece, in poco tempo il video è diventato virale. Purtroppo, poi, alla viralità delle immagini si è aggiunto il virus della cattiveria

Cancro islamico


Per la prima volta, il presidente della Repubblica francese, François Hollande, ha cominciato a chiamare per nome il nemico che, a Nizza, sulla Promenade des Anglais, ha strappato la vita ad almeno 84 persone innocenti: il terrorismo islamista, non un

“Guarda per me il mare”


“Guarda per me il mare” “Se è possibile annientare un innocente così, è possibile tutto“, scrive Enzo Tortora a Francesca, mentre i telegiornali mostrano le immagini dell’arresto, Enzo Tortora camorrista, Enzo Tortora scortato dai carabinieri, Enzo Tortora in manette. Arrestato

Il Corano e la svastica


Nel 1929 il primo volume aveva venduto 23 mila copie; un punto di partenza che s’intreccia con il percorso dei successi del partito, con l’ampliamento dei consensi e dei potenziali sostenitori. Tra il 1930 e il 1932 le copie diventano

Memorie di una viaggiatrice (poco) distratta


Milan Kundera parla della nostalgia nel libro “L’ignoranza” e racconta come questa parola sia diversa da lingua a lingua, anche nei suoi significati, nelle sue sfumature. Nostalgia viene dalle parole greche nóstos e álgos: ritorno e sofferenza. La sofferenza di

La solitudine dei Dhimmi


In un libro-inchiesta, Prigionieri dell’Islam, Lilli Gruber racconta cosa ha visto all’interno della moschea di Centocelle a Roma. Lì si distribuisce un decalogo della “Dignità della donna nell’ Islam“, un volume che lei ha definito orribile e dopo aver chiesto spiegazioni

UNIONI (IN)CIVILI : J’Accuse


Ebbene sì, ha avuto il placet, è legge. Si scrive unioni civili, si legge pastrocchio. Di cosa stiamo parlando? Di evoluzione, è chiaro, dell’Italia che si allinea al resto dei Paesi civili. Bene, benissimo. Entriamo “in medias res”. Due istituti

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi