Category Archives: Francavilla: Storia e Cultura

Tuttǝ kurpǝ du’ viendǝ! (Tuttǝ kurpǝ du’ viendǝ!)


  Tuttǝ kurpǝ du’ viendǝ!   Allu Tärzǝ Pondǝ suttǝ h’arkǝ grannǝ jòkǝnǝ allu Júdǝcǝ ’i guagnǝniéllǝ.   H’arijǝ jè tisǝ e šuscǝ fortǝ‘u viendǝ.   Sǝ surkiǝ ‘u nèse Giannǝ e grullǝ ‘mmènǝ h’uossǝciellǝ: skarànghǝ h’uocchiǝ e   lu sbahanzǝ co’

Le tre fontane – I lavatoi


Il nostro compianto De Minco nei suoi ricordi delle tre fontane-lavatoi ci rappresenta in maniera puntuale la conformazione geografica del nostro centro abitato e la vita dura, piena di sacrifici cui andavano incontro i residenti per attingere e trasportare l’acqua

Dai racconti di Antonio De Minco: “L’aria della fontana (il fontanile)”


 Il progresso tecnologico e le migliorate condizioni economiche hanno messo l’uomo nelle condizioni di beneficiare di beni e servizi di primissima necessità (acqua, riscaldamento, cottura alimenti, energia elettrica e mezzi di comunicazione) senza compiere un minimo di sacrificio. Questo però

Passatiémbǝ (Distrazioni)


 Passatiémbǝ E dàtǝmǝ pur’a mmé ‘na kósǝ da fè – ke nǝ saccǝ?: skukkiuhè fasuhǝ, o scuppuhè garòppǝhǝ ‘i granǝdinijǝ…o ammakèrǝ, a mittǝ dǝ símmǝtǝ ‘a vezzǝ d’u grènǝ nd’u cǝrnikkiǝ… anguna kosǝ, ‘nzommǝ, ka mǝ fè sbarijè comǝ sǝ

100 anni di nonna Annarosa, 1 marzo 2015


Signore Dio Padre , Figlio e Spirito Santo, oggi ti vogliamo lodare, benedire e ringraziare con tutto il nostro cuore per un dono speciale e straordinario di cui hai voluto ornare la nostra famiglia. Questo è un giorno santo ,

Dai racconti di Antonio De Minco, “il gioco della mazza e del pizzico”


L’Organizzazione Mondiale della Sanità ha definito l’obesità “epidemia del XXl° secolo”. In Italia affligge ormai 3 adulti su 3 (32%) che risultano in sovrappeso, mentre  1 su 10 è obeso (11%): complessivamente, quindi, circa 4 su 10 (42%) sono in  eccesso

Recupero di tradizioni “Carnevale 2015” a cura del Circolo ACLI “La Certosa” Francavilla in Sinni

and

Con lo spirito aggregante, che connota il CIRCOLO ACLI “LA CERTOSA” di Francavilla in Sinni , ieri, “martedì grasso”, si è concluso, nel nostro paese, il periodo di Carnevale. All’insegna della tradizione, al suono di campanacci, è stato allestito un

“Epifania – Carnevale – Quaresima” dai ricordi di A. De Minco


De Minco questa volta nei suoi ricordi è un vero filosofo oltre che un grande sociologo, perché riesce a descrivere la vita del paese cadenzata dalle festività e dalle ricorrenze negli aspetti più reconditi dell’animo del francavillese. Dopo il Natale

Com’era… il Carnevale a Francavilla sul Sinni.


Ogni paese dovrebbe mantenere le proprie tradizioni, tra cui il Carnevale.Abbiamo ascoltato dai telegiornali regionali che in molti comuni della Basilicata, il 17 gennaio scorso, giorno dedicato a S. Antonio Abate, ha avuto inizio il Carnevale con iniziative tese a

“Il bucato – preparazione del sapone” tratto dal libro di Antonio De Minco


De Minco ricorda in maniera puntuale il bucato e la preparazione del sapone nelle famiglie degli anni ‘30-’40. Queste due operazioni rivestivano un aspetto importante nel manage familiare ed erano funzioni svolte esclusivamente dalle donne, che dovevano lavorare sodo e

I Sanapurcelli. Gli zingari. I calderai. L’arrotino.


Francavilla nei ricordi di Antonio De Minco – “I Sanapurcelli. Gli zingari. I calderai. L’arrotino. La permuta di lana vecchia, indumenti di cotone con oggetti di cucina”.    Abbiamo scritto precedentemente “du puorche” (del maiale) e quindi non possiamo non

U stjavùcchë e ‘a virëghëcèllë fatǽtë (Il tovagliolo e la bacchetta fatati)


U stjavùcchë e ‘a virëghëcèllë fatǽtë   C’èrënë na vótë dùjë povërjéllë, ca stavìnë mùrë a mùrë. Gùnë jérë fatëgatórë e brǽvë crëstjǽnë; ł’àtë jérë mënnìchë e scrjanzǽtë. Na matìnë, nda jënnǽrë, facìjë nu frìddë ca mànghë i cǽnë. U

Il vicerè del mondo è di origine lucana “Scacchi. Fabiano Caruana, con origini a Francavilla sul Sinni, è secondo nella classifica Mondiale”


Scacchi. Fabiano Caruana, con origini a Francavilla sul Sinni, è secondo nella classifica Mondiale Ama i Beatles e i Led Zeppelin, usa poco il cellulare, gli piace il cinema e  fa pesistica, quando rilascia interviste traspare l’umiltà dei “forti” anche

Allevamento ed uccisione del maiale (U Puorcu)


In questi giorni il freddo è arrivato e, come ricorda il compianto De Minco, si ripete il rituale dell’uccisione “du puorcu”, che “aveva profonde radici in tempi lontani, la cui ispirazione si perpetuava all’infinito”. Il rituale è profondamente cambiato, perché sono

Il Capodanno


Tratto dal libro “Francavilla in Sinni” Ricordi e considerazioni sulla realtà sociale, economica, politica, culturale, magica, religiosa… di Antonio De Minco pubblichiamo il capitolo “Il Capodanno”   Foto della Rabatana di Tursi (MT) – 28.12.2014 – Giuseppe Di Giacomo Tra

Ora dico la mia


(era doveroso per me dare una risposta)  Chiudermi nel silenzio, è come se io fosse un vigliacco, ma siccome non lo sono mai stato, è doveroso dare risposta all’articolo “Dico la mia” del sig. Fortunato. Parlare ancora di ponticelli, primo

La vigilia di Natale


Pubblichiamo dai ricordi di Antonio De Minco “La vigilia di Natale” senza alcun commento perché ognuno lo vive come può e come crede.  Ma l’invito che facciamo è quello di voler raccogliere l’insegnamento della semplicità dell’armonia e della gioia che

Dico la mia su Com’era bello… e com’è… il mio paese tra bianco e nero e colore.


Complimenti ad Antonio Capuano per le sue molteplici espressioni artistico culturali che mette a disposizione della nostra comunità e non solo trattando argomenti inerenti Francavilla con l’obiettivo di far migliorare le condizioni socio-economico culturali dei cittadini. Dopo la pubblicazione di

Una foto per ricordare momenti semplici di vita


Una sala consiliare piena fino all’inverosimile, ha accolto il libro di Antonio Capuano, com’era bello …e com’è il mio paese. Il moderatore, avv Pasquale Ciancia, nella presentazione dei relatori ha voluto evidenziare di essere alla presenza di un libro da

Nelle foto di Capuano la storia di Francavilla


“…Se si potesse, preferirei, mostrarti ciò che provo, senza bisogno di parole….” Cosi recitava il grande Lucius Annaeus Seneca, filosofo, poeta, politico e drammaturgo romano. Parole calzanti, per il poeta, scrittore e editore francavillese, Antonio Capuano, che in questi giorni

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi