Alla scoperta delle Valli del Frido

Fiume Frida 14-02-14 005“Davanti immacolate montagne: montagne spaurite nel mio cuore nel sole meridiano, indicano al viandante la sosta e la calma”. La frase, rubata al poeta Dario Bellezza, ben sintetizza la bellezza della Valle del Frido, una delle più ampie nel cuore del Parco Nazionale del Pollino, in Lucania.

Un angolo d’Italia fuori mano che però regala un ambiente unico, a diretto contatto con una natura straordinaria, in un incontro continuo con arte e storia. La Valle del Frido, che prende il nome dall’omonimo fiume che l’attraversa per ben 25 chilometri, si distingue anche per essere la Valle dei Mulini: vecchie strutture, del XVIII e XIX secolo, che un tempo funzionavano con il sistema delle condotte forzate delle acque del torrente (oggi le acque alimentano le tubazioni dell’acquedotto pugliese).

Così è nata “la via dei Mulini”, un percorso che porta alla scoperta di questi manufatti architettonici industriali: di alcuni sono rimasti solo i ruderi, altri sono visitabili, altri ancora sono in fase di ristrutturazione. Il tutto toccando paesi e borghi come San Severino Lucano e Viggianello, con la voglia di scoprire tradizioni.

Mulino Iannarelli loc. Mezzana di San Severino Lucano
Mulino Iannarelli loc. Mezzana di San Severino Lucano

Nella frazione di Mezzana, a San Severino Lucano, si può ammirare il “Iannarelli-Calabresi”. E’ costituito da più edifici rettangolari e presenta tre livelli di costruzione. Il Mulino attualmente visitabile è invece il “Magnacane” (a Viggianello) che conserva ancora la struttura originaria e le opere idrauliche integre. E’ stato in funzione fino al 1972 ed è visitabile su prenotazione (comune 0973576132).Generosa è la terra del Pollino, come la sua gente e la sua cucina, pronta a sorprendere il palato con piatti che sono il trionfo della semplicità.

I buongustai non potranno non apprezzare le salsicce speziate al finocchietto, un morbido abbraccio tra la carne di maiale e il profumo di una tra le piante aromatiche del bosco. Chi predilige i sapori forti troverà di che raccontare nella frittata contadina, servita in una pagnotta svuotata, mentre gli amanti dei primi piatti avranno golose soddisfazioni da un fumante piatto di raschiatelli con i funghi porcini.

Ai sensi di colpa post abbuffata, la valle del Frido fornisce ottimi appigli sotto forma di sentieri, dove passeggiare, fare trekking, andare in mountain bike.

 Fonte: http://giornalemio.it/viaggi/alla-scoperta-delle-valli-del-frido/

 

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi