La “MAGARIA” – La “Fattura”

Biagio Propato
Biagio Propato

Magia nel villaggio delle favole “Conocchielle”

E’ un maleficio di una magia maggiore o di una magia nera ed è di competenza del magaro (mago) o della magara (Maga, megera) che hanno il potere di toglierla e di crearla alle vittime della magia. La figura della magara s’identificava spesso, nelle nostre contrade dell’alta Valle del Frido, con quella della zingara che esercitava anche l’arte della predizione del futuro leggendo la mano. Il suo vaticinio era particolarmente temuto anche in virtù del potere ipnotico che si riconosceva  alla magara. Potere che si poteva manifestare anche durante il colloquio con la vittima che veniva ridotta ad uno stato simile al sonno ed era così alla mercé della magara. Nel comune di Viggianello, nella frazione Pantana, viveva Zu Vicienzo u Magaro, che ha esercitato per anni e con successo l’arte magica.

 

Gli zingari, popolo nomade, presente fino agli anni 60, nei nostri borghi, guardato con diffidenza perché ritenuto, spesso, autore di furti e di malefatte e persino responsabile della scomparsa di bambini, percorreva, quasi quotidianamente, specialmente nella bella stagione, le strade polverose dei villaggi montani e usava i nostri pagliai per trascorrervi la notte; viveva d’attività lavorative saltuarie o pìù di rado specializzate, lavorava il rame, il ferro e lo zinco, costruiva con perizia e stagnava recipienti di latta e di rame della famiglia contadina , la sicchia ed i grandi “càccui[1] “  a forma di clessidra, con l’apertura circolare contornata da un bordo spesso, che i pastori usavano per la cagliata. Gli zingari praticavano anche l’allevamento e la compravendita di cavalli e somari ed erano ritenuti responsabili, spesso, di furti di bestiame che facevano con destrezza per la gran familiarità e professionalità che avevano con gli animali che montavano con eleganza ed a cui, si diceva, parlavano nelle orecchie e guardavano fissi negli occhi, ipnotizzandoli. Gli zingari non svolgevano lavori sedentari, né lavori agricoli, ed in genere, aborrivano i lavori pesanti. Da qui il pregiudizio verso di loro ritenuti sfaccendati ed oziosi. Un modo di dire entrato ormai nell’uso sintetizza questo concetto: “ N’hai mai vist’ zingari meti ?! “(hai mai visto zingari mietere?! ).

 

 La prestazione magica della fattura, in questi casi, segue rituali diversi rispetto alla semplice affascina e si avvale anche d’oggetti, ad esempio, di bambolotti che vengono trafitti con spilli, di ciuffi di capelli che spesso la vittima trova sotto il cuscino. La persona colpita da maleficio avverte dolore nel punto in cui il bambolotto è trafitto dagli spilli metallici da parte del magaro/a.

 

BurnWitchBurn I rimedi per togliere la fattura sono innumerevoli e fantasiosi; si va dalla formula magica recitata dal magaro, anche questa, frutto di un connubio di preghiere e d’invocazioni pagane, a consigli da mettere in pratica nell’ambito domestico: il sale che deve essere cosparso nella propria abitazione, intrugli da bere di pessimo gustospilli dentro un fazzoletto, spicchi d’aglio ed altro fanno parte di questo cerimoniale magico. Altre volte si fanno portare al collo dei sacchetti d’erba secca, si fa bruciare su un braciere l’incenso e lo si diffonde in tutti gli angoli della casa per tre sere di seguito portandolo a mo’ di turibolo.

 

Dopo essere stata slegata, liberata dalla fattura la vittima deve recarsi, la sera tarda, ad un crocevia e buttare dell’acqua per terra quando non passa gente, in modo che nessuno la possa recuperare; così facendo il maleficio si estingue e non colpisce altre persone. E’ questa una concezione di tipo animistico che si riscontra nei popoli asiatici, africani, in Oceania, secondo cui lo spirito maligno causa di malattia, ad esempio, di un arto, deve essere allontanato di notte andando a seppellire l’arto ammalato fuori dal villaggio, affinché non sia possibile allo spirito di individuare la strada di casa e procurare altre malattie nello stesso individuo od in altri membri della comunità.

 

Un filtro amoroso può essere fatto anche con sangue mestruale che all’insaputa è propinato al giovanotto che non corrisponde ai sentimenti d’amore della spasimante. Il racconto di un mio infermiere conferma per sua esperienza diretta che queste cose accadevano in un passato a noi vicino. GINO  aveva circa 15 anni negli anni sessanta, un giorno, ricorda che fu invitato a casa da due signorine in C/da Poiarelli nel comune di Tortora, e gli fu offerto un caffè che lui bevve con gusto. Dopo poco, sulla strada del ritorno, incominciò a sentirsi male, avvertì un calore intenso in tutto il corpo ed una gran confusione mentale, simile ad un’ubriacatura violenta ed improvvisa, che lo costrinse a chiedere aiuto a casa dello zio che, dopo averlo ascoltato, si adoperò per scacciare quella che a suo giudizio era ritenuta una fattura, un filtro d’amore propinato al nipote con la tazzina di caffè[2]. Chiuse Gino dentro una stanza dandogli un coltello da tenere in mano e raccomandandogli di non uscire; dotatosi anch’ egli di un altro coltello e stando fuori della stanza, incominciò, in preda ad una grande agitazione, a proferire parole che uscivano dalle labbra con difficoltà perché in contemporanea, morsicava il coltello che tratteneva tra i denti. Dopo qualche minuto tutto finì, passarono all’improvviso gli effetti della sbornia magica, il calore cessò, e Gino uscì perfettamente ristabilito dalla stanza, grazie al rito magico dello zio che aveva sciolto la fattura.

 

Magaro/a non si nasce si diventa; il potere magico non si può trasmettere, non è ereditario, è esercitato spesso da persone adulte, per cui è da pensare che  non sia trasmesso geneticamente, ma è l’ambiente con i suoi i pregiudizi, l’iniziativa, la furbizia, una vocazione propria del magaro che creano questo potere. Lo sciamano nelle religioni siberiane e nord-americane detiene poteri simili ed è un personaggio carismatico e importantissimo, intorno al quale si sviluppa l’universo magico e spirituale d’intere comunità; compito dello sciamano è quello di purificare se stesso e la propria comunità dalle influenze nefaste. A questo ruolo benefico che lo porta a diventare via maestra per la canalizzazione e la mediazione degli influssi nel verso giusto, si contrappone un altro ruolo, malefico che consiste nella deviazione e nell’inversione degli influssi benefici. Lo sciamano come il magaro è un operatore del magico e della medicina.

 

maleficio-fatturaIl potere magico, per quanto riguarda la Malattia è complementare ed alcune volte sostitutivo a quello medico. L’atto magico non ha bisogno di indagini strumentali, di cure farmacologiche, non porta l’ammalato lontano dalla sua casa, dai propri affetti, dai suoi odori e  profumi.  Solo per questi motivi alcune malattie, specialmente quelle psichiche o psicosomatiche, ma anche altre di carattere organico o tumorale che necessitano per la guarigione di uno stato di tranquillità, di serenità che solo le mura domestiche possono dare, trovano giovamento nell’arte magica del magaro. Lo stato di benessere, l’assenza di stimoli ambientali nocivi, finalizza la risposta di stress e probabilmente stimola il sistema immunitario ed altri organi o apparati ad agire contro la noxa patogena psichica ed organica. I profumi, gli odori, che stanno alla base dell’aromaterapia possono influenzare le nostre risposte neurovegetative e concorrere a creare uno stato di benessere. Tutto ciò può essere favorito dal proprio ambiente e può essere dissipato dal ricovero asettico, anonimo, cupo, in una struttura ospedaliera. Si può affermare, dunque, che il magaro “cura” la persona più che la malattia del singolo organo pone l’ammalato in equilibrio con il suo ambiente da cui attinge energie positive utili alla sua guarigione. Altro fattore, che può giustificare la riuscita nella cura delle malattie da parte del magaro, è la “terapia del tempo. Molte patologie, specie quelle d’origine reumatiche, meteoropatiche, arrivano a guarigione con il passare del tempo, si autoestinguono o regrediscono spontaneamente, in rapporto alla temperatura, all’umidità, alla pressione, al cibo… al trascorrere del tempo. Il magaro conosce e utilizza la “cronoterapia” e ne ricava un potere che di magico ha poco.

 

Magaro/a si diventa affermano altri, perché prima di morire il potere magico dello sciamano deve essere trasmesso ad altri, ad un familiare, ad un conoscente con una stretta di mano, quasi a volere dimostrare la sua immortalità. Questo potere è temuto e rifiutato da tutti, perché spesso è un potere malefico, perciò al magaro sul letto di morte non si dà mai la mano, ma si allunga un bastone che poi è gettato lontano da casa.

 

L’arte magica del magaro/a è esercitata apparentemente in modo gratuito. In effetti, non è chiesto un compenso in denaro, ma non si rifiutano regali d’ogni tipo. Chi è che può peccare d’ingratitudine verso il Magaro ed inimicarselo? Nessuno. Non tutti i magari sono benestanti, alcuni agiscono per vocazione e vivono in povertà e preghiera, in luoghi spesso isolati, come eremiti; altri realizzano utili abbondanti che lasciano in eredità ai propri familiari.

 

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi