La Politica è …cosa seria

Mario Di Nubila
Mario Di Nubila

In tutte le fasi preparatorie di campagne elettorali si possono verificare fatti, che, probabilmente, non esprimono consapevolezza e restano, pertanto, nella fase subliminale, cioè restano al di sotto della soglia della coscienza, nell’inconscio, determinando condizionamenti nel comportamento e nelle scelte. E, forse, questo è successo a Francavilla in Sinni, mio Comune di particolare riferimento, al quale sono legato da vincoli affettivi e di spendita di intenso impegno politico, amministrativo, civile e forte senso di appartenenza. Si è proposta una lista, per il rinnovo del Consiglio Comunale, contrassegnata con evidenza PD, alla quale non si è riusciti a dare neanche un numero utile di presentatori, con la conseguenza di essere “ricusata”, e, quindi, non ammessa alla consultazione elettorale , e con un numero di candidati incompleto. Non può non deplorarsi la iniziativa politica priva dei presupposti richiesti dalla legge e quali precondizioni di ordine operativo, il senso di pressapochismo e di improvvisazione, che nuocciono anche alla immagine di un partito dalla storia e dalla dimensione nazionale, correndo il rischio di sfigurarne l’immagine, con pretenziose appropriazioni. Inverosimile è dare notizia di una apprezzata professionista quale capolista, specificamente individuata, ma evidentemente con appropriazione abusiva di nome e di immagine, la quale smentisce, come suo diritto, tale scorretta appropriazione e divulgazione. La politica, nonostante i tempi difficili che vive, è e resta una cosa seria! Non è dato ad alcuno giocare con essa, fare incursioni, censurabili, sul piano politico, su quello della legittimità, contravvenire, con disinvoltura, quasi temeraria, alle elementari regole di dignità democratica e di rigore giuridico. La democrazia esige rispetto assoluto degli elettori, a cui non si può, mai, fare il torto di presa in giro! A tutti è consentito commettere errori, ma se dietro il presunto errore c’è, probabilmente, solo il disegno, non civilmente corretto, di tentare, utilizzando un consenso popolare, di sollecitare uno scontro, degradato al piano di personalismo contro un sindaco uscente e ricandidato, allora questi atteggiamenti sono fortemente distorti. Viene meno l’idea di un confronto democratico, che è il sale della democrazia, ma non è tale, se questo confronto non è sulle cose, su programmi, sulle realizzazioni, ma si annunzia livoroso e personalistico. E di tanto era premessa un “proclama” di tale fantomatico “Movimento Francavilla Libera”; fantomatico, perché non aveva, e non ha, alcuna individuazione di responsabile rappresentante, quindi senza una legittimazione rappresentativa, il che, pur nel rispetto di ogni volontà e di libertà, portava il segno dell’anonimato, che non è corollario di liberta consapevole e responsabile. Se atti simili fossero, anche, espressione di analfabetismo istituzionale, non avremmo molta speranza di validi ed efficaci avvicendamenti nella assunzione di responsabilità nella gestione della cosa pubblica. Al mio comune, ed ai miei concittadini auguro la prosecuzione di una azione amministrativa, costruttivamente positiva finora, con la prospettiva di un proficuo ulteriore impegno, e con il rammarico dell’assenza di un confronto serio, democratico, portatore di idee e programmi per la “defezione” di altra parte, che con vacuo dilettantismo, si è posta fuori gioco.

                                                                    

  1. Egregio Senatore Di Nubila,
    da libero cittadino francavillese ho trovato nel suo articolo discorsi che non hanno nulla di nuovo, sentiti e risentiti per anni da chi, come lei ed altri professionisti della politica, ci hanno sempre ricusato in vista di elezioni belle parole, progetti evanescenti, promesse di sviluppo ecc ecc ecc… Sono, credo, più di quarant’anni che si assiste a liste e sindaci a Francavilla fatte solo per “alcuni”. Sempre le solite minestre riscaldate delle solite famiglie. Il popolo francavillese non ha mai avuto una squadra degna che abbia fatto di Francavilla un paese fiorente sotto tutti i punti di vista. E non ha nemmeno avuto “menti” che si sono messe in gioco per la comunità. Le poche forse che c’erano sono state bruciate dai “soliti” burloni della politica clientelare.
    Ecco perché provo un senso ridicolo nel meravigliarsi oggi di una lista non presentata dalla parte politica di cui ha fatto riferimento. Oggi come oggi non esistono più i partiti, le lotti, le idee, le sezioni. Esistono solo due facce della stessa medaglia. E il “caso” francavilla ne è da esempio. Lo sdegno ed il malcontento della popolazione, quella fatta della classe operaia, dei giovani, delle famiglie che non arrivano a metà mese, è così tanto che gli argomenti come quello che ha scritto sono fiabe per bambini ormai. L’unica verità lei la conosce: non aver fatto nulla per Francavilla, per l’intera area e per questo meraviglioso sud che giorno dopo giorno sta sparendo. Credo che sia meglio da parte di politici ed ex politici che hanno contribuito al disastro fare un mea culpa e chiedere scusa a tutti quelli che vi hanno mantenuto in vita natural durante ma che non possono neanche più fare la spesa.
    La saluto.

    1. Lecito esprimere il proprio pensiero, grazie al cielo siamo in una democrazia e questo è uno dei diritti fondamentali che essa garantisce, ma è lodevole quando ci si mette, se non la faccia, almeno il nome. I commenti anonimi, egregio Cittadino Libero, non sono mai positivi: non giovano a chi li esprime, perché dimostrano un’assenza di coraggio nell’affermare il proprio pensiero, non permettono un reale contraddittorio, perché normalmente non hanno natura costruttiva, non danno spunti ad altri, perché difficilmente vengono sostenuti in quanto anonimi. Dunque commenti leciti sì, ma con l’autorevolezza di un biglietto non firmato lasciato in una buchetta da mano furtiva, magari la stessa che ti saluta. In quanto al suo pseudonimo di Cittadino Libero, resto perplessa: non deve sentirsi molto libero, se si nasconde!

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi