‘U Rap du’ Succupètǝ (Il Rap del disoccupato)

‘U Rap du’ Succupètǝ

 

Heggǝ pärsǝ ‘a fatìghǝ
stongh
ǝ senza fè niendǝ
da’ matin’alla sera
semb
ǝ all’abbiendǝ
cokkiǝhǝ kiakkiǝrǝ
e li ṧuscǝ allu viendǝ
‘a sacca vacandǝ
e li nniérǝvǝ a ciendǝ.

 

Gaggǝ già quarand’annǝ
e non tenghǝ ‘na zitǝ:
mammǝ mǝ ‘nzistǝ
ca m’eggia ‘nzurè,
ma com’eggia fè?
Co’ sti chiärǝ dǝ hunǝ,
mǝ vèghǝ a ‘nguajè?
…H’assa stè!
kiù mbriestǝ
mǝ vègh’affuchè!

…Ma no!

Che so’ sti pǝnzierǝ
ca mǝ pìgliǝn’a sérǝ?
S’a vitǝ fè ṧkifǝ
mo’ a vogliǝ kangè:
mǝ nǝ vèghǝ a Sanrémǝ
e la vèghǝ a candè.

(filippodigiacomo©febbraio2017)

FILIPPO DI GIACOMO

Il Rap del disoccupato

Ho perso il lavoro
sto senza far niente
da mattina a sera
sempre indolente,
scortico chiacchiere
e le soffio nel vento
la tasca vuota
e i nervi a cento.


Ho già quarant’anni
e non ho una ragazza:
Mamma m’insiste
ché devo sposarmi,
ma che devo fare?
Co’ sti chiari di luna,
vado a inguaiarmi?
…Lascia stare!
Piuttosto
vado a impiccarmi!

…Ma no!

Che so’ sti pensieri
che mi vengon di sera?
Se la vita fa schifo
ora la voglio cambiare:
me ne vado a Sanremo
e la vado a cantare.


(filippodigiacomo©febbraio2017)

 

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi