Lettera da un amico a don Franco Lacanna

Carissimo don Franco, la tua permanenza in Francavilla è stata una presenza costante, un riferimento certo, una pietra miliare  per noi ed anche per chi da fuori ha avuto a che fare con la nostra comunità.

Chiesa Madre Francavilla in Sinni

Assistevamo ogni anno a movimenti di sacerdoti nella Diocesi, quasi da spettatori. Si commentavano, come si usa fare per una partita di calcio, sembrava dovessero interessare gli altri e mai noi, quasi come se Francavilla ne fosse esentato, infatti, caro don Franco sei stato per Francavilla una delle presenze più longeve dopo Mons. Carmelo Fiordalisi da Montegiordano, per questo ringrazio il Signore per averci fatto dono della tua presenza e della tua guida spirituale.

Mons. Francesco Lacanna

Ringrazio il Signore per avermi dato l’opportunità, l’onore e il piacere di aver fatto parte del Consiglio Pastorale, per gran parte degli anni della tua permanenza in Francavilla. L’aver collaborato con te ha rappresentato per me un’occasione unica di crescita, sia spirituale che umana, sei stato per me in tantissime occasioni un vero maestro, di questo vorrei darti merito pubblicamente e ringraziarti di vero cuore.

Sono stato privilegiato della tua conoscenza, da subito tra noi si è instaurato un rapporto franco e disinvolto, chiaro e rispettoso, amichevole e fraterno, tanto da non farci mancare neanche momenti di scontro ma mai di dissapori, sono stati sempre momenti di crescita per me, spero di essere stato per te altrettanto utile e  di aver meritato la tua amicizia.

Don Franco, sei stato capace di ascoltare le istanze di ognuno, non posso non ricordare quando, nel 2010, ti suggerii il gemellaggio con Bioglio, che tu hai immediatamente recepito organizzando subito un viaggio, con una folta delegazione di parrocchiani, per suggellare l’unione dei francavillesi con gli stessi emigrati al nord Italia.

Bioglio Chiesa
Bioglio Chiesa

Hai accolto con grande entusiasmo la proposta che giungeva dai francavillesi di Bioglio, di portare la statua della Madonna di Pompei, in quella comunità, per rendere ancora più forte quel legame nato nel 2010. Mi farebbe molto piacere se, questo tuo trasferimento, non interrompesse questo legame che si è consolidato con l’altra parte dei nostri cittadini residenti nel biellese, perché è servito a rafforzare la fede e non farli sentire abbandonati, ma grazie a te è stato possibile ristabilire quel legame che si era negli anni affievolito.

È questo il tempo del cambiamento, della partenza, del distacco, dei ricordi, non certo di bilanci.  Ogni  cambiamento, ahimè, è fonte di preoccupazione, di incertezza e di disorientamento, perché interrompe e modifica rapporti umani e spirituali, consolidatisi nel tempo.

don Francesco LACANNA

Caro don Franco, sei stato pastore nella nostra comunità per ben 19 anni, imparando a conoscerla,  ad amarla e a rispettarla attraverso il legame che hai instaurato con gran parte di noi,  insegnandoci a tua volta a crescere nella fede, nell’amore e nel rispetto reciproco.

Il tuo trasferimento è segno tangibile della provvisorietà dei legami umanamente importanti, ma destinati a cambiare, soprattutto nella vita di un sacerdote; sono convinto comunque che, con la tua determinazione, saprai ricominciare in un nuovo ambiente e con nuove persone, “Cambiare” e saper ripartire altrove è la vera radice dell’identità di un uomo di Dio, così come tu più volte hai rimarcato.
Il distacco, quindi, diventa segno concreto della tua appartenenza al Signore, questo è quanto sono riuscito a comprendere in questi anni dai tuoi insegnamenti; perché un sacerdote non si appartiene e non appartiene alla sua gente, se non per fede.
Don Franco, hai percorso un tratto della tua vita insieme a noi e ti assicuro che il tuo passaggio, fra slanci e battute d’arresto, fra pregi e fragilità, lascerà indubbiamente un segno indelebile nel tempo nella tua/nostra Francavilla.

Mons. F. Lacanna e Mons. F. Nolè

Prego Dio, nostro Padre, affinché ti conceda la gioia di rimetterti in “gioco”, la forza di ricominciare, la capacità di rinnovarti nella fede e il dono di una sempre crescente capacità di “accogliere” in Dio, con Dio e per Dio, possa la Vergine Maria farti sentire forte la sua protezione materna.

Caro don Franco, questo tuo trasferimento mi da l’occasione di ringraziare per la sua presenza, anche don Enzo Appella, che si è tanto prodigato per la nostra comunità e al quale mi legava e mi lega  altrettanta sincera e affettuosa amicizia e stima, per quanto ha dato al nostro percorso di crescita nella fede.

Il suo trasferimento è stato così silente da non darmi l’opportunità di rivolgere anche a lui un grazie di cuore per ciò che ha fatto nei miei e nei confronti di quanti hanno avuto il piacere di conoscerlo e di avere una sua frequentazione; Grazie don Enzo.

don Franco Lacanna

Caro don Franco, la presenza di un sacerdote in una Parrocchia, in un paese, deve essere vista come una guida e non sempre deve apparire comoda e acconsenziente, ma deve orientare, educare e scuotere le coscienze, nel fare ciò può anche conquistarsi “convertendo” qualche avversità. Questo è, secondo me, il compito primario della presenza sacerdotale che non deve assolutamente rincorrere il consenso ma deve, come un padre, guidare i propri figli verso un cammino di crescita nella fede in Cristo. Caro don Franco sono certo che la tua permanenza in Francavilla ha, di per sé, già scritto una bella pagina di storia che i posteri potranno apprezzare e farne tesoro.

One thought on “Lettera da un amico a don Franco Lacanna

  1. ” La lettera da un amico a Don Franco LACANNA ” che cela il nome dell’Autore, mi piace identificarlo in quello di Giuseppe Di Giacomo o dir si voglia Peppe a Sip. Cosa vuole significare questa bellissima lettera scritta con due mani e dettata dal cuore ? Penso voglia significare : ” che nuovi parrocchiani lo accoglieranno con gioia mentre noi siamo tristi. Dopo 19 anni eravamo abituati alla sua presenza discreta, ma incisiva. Ci mancherà la sua guida e gli incontri che ci ha proposti su argomenti vari dall’ecumenismo ai problemi della vita quotidiana. <<<<per questo lo ringraziamo e gli auguriamo di trovare una comunità che sappia fare con Lui fare vera Chiesa ".

    Complimenti Peppe per i sentimenti espressi per Don FRANCO.
    .

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi